in

Taranto follia assassina: padre tenta di uccidere i figli, come sta la bambina lanciata dal balcone

Follia omicida a Taranto, dove ieri pomeriggio 7 ottobre un padre 49enne ha lanciato la figlia di sei anni dal balcone del terzo piano e ha accoltellato al collo il fratello di 14 anni. Il dramma si è consumato in un appartamento di uno stabile sito nel rione Paolo VI al culmine di una violenta lite con la moglie. L’uomo, si apprende, avrebbe agito in preda all’ira per aver perso la potestà genitoriale sui bambini.

Tratto in arresto, una volta uscito dallo stabile in manette e scortato dai carabinieri, l’uomo ha rischiato il linciaggio della gente. Da quanto apprende l’Ansa, il papà litigava da tempo con la moglie per quanto riguarda gli incontri con i figli. Secondo la ricostruzione, l’aggressione ai ragazzini è avvenuta in casa della madre che in quel momento era assente. Nell’abitazione erano presenti la mamma dell’aggressore e il cognato. Indagini in corso da parte dei carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Taranto, guidato dal tenente colonnello Roberto Spinola.

Molto gravi le condizioni della bambina: “stazionarie nella permanente gravità” – recita il bollettino medico diramato poco fa dall’ospedale – le condizioni della bambina di sei anni lanciata dal padre dal balcone di un appartamento a Taranto. La piccola è stata sottoposta nella notte a intervento chirurgico presso l’ospedale Santissima Annunziata. Ha riportato un trauma cranico commotivo, un trauma facciale e gravissime lesioni al torace. La piccola ha riportato anche gravi lesioni al fegato. L’altro figlio, il 14enne accoltellato alla gola, è miracolosamente fuori pericolo e guarirà in una quindicina di giorni.

Potrebbe interessarti anche: Barbara scomparsa a Napoli: la madre rompe il silenzio e fa nuovo appello

Flavio Insinna al timone di “Affari tuoi”? La Rai ha un asso nella manica!

Ravenna pizzaiolo ucciso in casa: particolari terribili, ecco come è stato assassinato