in ,

Taranto, offresi stabilimento tessile a costo zero: l’appello di 181 operai ex Miroglio

Lo stabilimento tessile Miroglio di Ginosa (Taranto) è inattivo dal 2009 e i suoi 181 operai, benché in mobilità, non si arrendono all’idea del fallimento. La loro fabbrica è ancora funzionale ed efficiente, basterebbe che un imprenditore lo rilevasse perché il processo produttivo si rimettesse in moto. È questa la strada che hanno deciso di percorrere gli impavidi lavoratori dell’ex Miroglio, che lanciano un appello e si propongono direttamente sul mercato offrendo a costo zero lo stabilimento di Ginosa. Una conclusione cui sono giunti dopo aver visto sfumare nel nulla, in tutti questi anni, i vari progetti di rilancio e le trattative intraprese con il Ministero dello sviluppo economico per salvare le sorti dell’azienda.Ex-Miroglio Puglia

Ed ora un ennesimo tentativo, con la realizzazione di uno spot che sta girando sul web e si rivolge, diretto, alla classe imprenditoriale: “Caro imprenditore le parliamo di economia, il motore di tutto ciò che ci sostiene, senza il quale non solo i redditi e i fatturati, ma neppure i diritti sono possibili. La sua figura, riteniamo, è oggi una chiave fondamentale per salvare l’Italia, la democrazia, il lavoro e la giustizia sociale. Crediamo fortemente che i problemi si affrontano con la forza delle idee e la capacità di mettersi in gioco. La ripresa parte da tutti, ma, soprattutto, da chi ha voglia di fare impresa, assumendo da protagonista la missione storica di salvare se stessi salvando tutti”.

Proprio nelle scorse settimane il Comune ha rilevato lo stabilimento dall’azienda piemontese al costo simbolico di 1 Euro. L’ impianto è grande 55 mila metri quadrati coperti e 70 mila scoperti, è fornito di un magazzino automatizzato e di una centrale elettrica in grado di sfruttare le energie rinnovabili. Gli operai cassaintegrati, il Comune di Ginosa, rappresentato dal sindaco Vito de Palma, la Regione Puglia e l’assessore al Lavoro Leo Caroli, hanno unito forza di volontà e speranza, rimettendosi in gioco per rilanciare l’ex Miroglio, attraverso un progetto di reindustrializzazione che ha bisogno, per diventare realtà, dell’iniziativa imprenditoriale. Il sito si trova in un’area strategica, molto vicina al porto di Taranto, all’autostrada Adriatica A/14 e alla statale Jonica 106. E gli amministratori locali lo rendono disponibile a chiunque volesse rilevarlo, a costo zero, purché il personale, protagonista assoluto di questa iniziativa, venga riassunto.

stanza 12 milioni euro

Schumacher torna a casa: la volontà della moglie disposta a spendere 12 milioni di euro

Serie A – 31a giornata, Livorno-Inter: le probabili formazioni