in ,

Tari 2016: scadenze, chi deve pagarla e come calcolarla

Prossimamente arriverà nelle casa degli italiani il bollettino per il pagamento della Tari 2016, ovvero la tassa sui rifiuti che si paga al Comune per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e che insieme alla Tasi, il tributo sui servizi indivisibili comunali e l’Imu, l’imposta municipale sugli immobili, va a costituire la IUC, ovvero l’Imposta Unica Comunale. La Tari 2016, a differenza delle altre due imposte, però è obbligatoria per tutti, proprietari/inquilini di case private e di negozi, che potranno pagarla in un’unica soluzione oppure ratealmente.

La scadenza prevista per il pagamento della Tari 2016 dovrebbe essere il 30 giugno 2016 ma essendo possibile la dilazione del pagamento, per alcuni la scadenza si potrà protrarre durante l’anno. E’ possibile pagare la Tari 2016 sia con semplice bollettino postale che attraverso il modello F24. Come abbiamo ricordato sopra, la Tari 2016 è obbligatoria per tutti ma bisogna sapere che, per quel che riguarda le case in affitto, sarà l’inquilino e non il proprietario a dover pagare l’imposta mentre se l’immobile è sfitto sarà il proprietario a dover pagare la tassa sui rifiuti.

Come si calcola però la Tari 2016? Il bollettino di pagamento che il Comune di manderà a casa sarà già compilato con l’importo dovuto ma è importante sapere che sulla tassa dei rifiuti influiscono non solo i metri quadri ma anche il numero di abitanti e la rendita catastale dell’immobile nonché l’aliquota che ogni Comune avrà adottato.

Credit Foto: RomanR / Shutterstock

Festa della mamma idee regalo viaggi

Festa della mamma 2016 regali originali: eventi in Italia e idee di viaggio per sorprenderla

caso bozzoli news tracce forno

Caso Bozzoli news: il nipote condannato per minacce a un cliente