in

Tartufi e funghi, così si festeggia l’autunno in Emilia-Romagna

Ad ottobre cambia la stagione e cambiano gli odori e i sapori della tavola, che si arricchiscono delle delizie del sottosuolo. Ecco perché ogni anno l’Emilia-Romagna invita gli appassionati – ma anche semplicemente i buongustai – a prendere parte al ricco cartellone di sagre dedicate al fungo e al tartufo.

Il 27 ottobre Sant’Agata Feltria – che si fregia del marchio di “Città del tartufo” – ospiterà il tradizionale appuntamento con la Fiera nazionale del tartufo bianco pregiato. Ogni anno migliaia di visitatori accorrono nel paese dell’entroterra riminese attratti dal carisma della “trifola” e dai prodotti autunnali offerti dalla generosa terra appenninica – tra cui funghi, castagne, miele, erbe officinali – oltre che per riscoprire i manufatti dell’artigianato rurale ed artistico.

autunno sagre Emilia-Romagna 2013

Appuntamento il 27 ottobre anche per la “47° fiera e sagra del tartufo” a Dovadola, in provincia di Forlì-Cesena. Per l’occasione numerose “sfogline” tireranno con il mattarello almeno duemila uova di tagliatelle, condite poi con oltre 3 quintali di ragù di carne e con l’aggiunta del tartufo. Si potrà inoltre degustare e acquistare tartufi di ogni pezzatura e prodotti tipici autunnali.

Agli amanti del tartufo nero è dedicata la Fiera nazionale del tartufo nero di Fragno a Calestano, nel parmense, che si svolgerà per quattro domeniche consecutive (27 ottobre, 3, 10,17 novembre). L’intero paese sarà invaso da bancherelle e punti ristoro che proporranno la delizia del sottosuolo in una vera e propria “street food”, e il pubblico sarà invitato a partecipare al “Tartufo trail running international contest”. Tra le possibilità anche quella di visitare le tartufaie e pranzare con menù a tema nei ristoranti del paese.

Nell’entroterra ferrarese, dal 26 ottobre al 3 novembre, “I sapori di autunno” conquisteranno le mura del castello estense di Mesola; oltre a funghi e tartufi verranno proposti anche altri sapori caratteristici del sottobosco del Delta del Po come il radicchio, la zucca e le erbe.  Tra gli eventi collaterali, gare di ricerca guidata al tartufo, visite guidate, convegni e mostre mercato.

Anche il reggiano delizierà i golosi il 3 e il 10 novembre con la “26° Festa del tartufo di Cavola” a Cavola di Toano: due domeniche all’insegna della gastronomia locale, ma anche del folklore, della cultura, della storia e della musica tradizionali grazie alle numerose iniziative in programma. Sempre nell’Appennino reggiano, il centro di Viano, il 9 e il 10 novembre accoglierà la XXIII Festa del tartufo della Valle del Tresinaro offrendo momenti di intrattenimento anche per i più piccoli, gare e concerti, mostre, fattorie didattiche e antichi mestieri.

Il 10 e il 17 novembre la prelibatezza del tartufo bianco pregiato della Valle del Bidente sarà il protagonista della tradizionale festa del paesino di Cusercoli di Civitella di Romagna (FC). La sagra sarà arricchita dalle visite guidate al castello di Cusercoli con la mostra di Suiseki, ricchi premi per i raccoglitori di tartufo e l’interessante “Finale di Campionato Italiano di ricerca su ring per cani da tartufo”.

Dal 17 al 27 novembre il paese di Mondaino nel riminese accoglierà i golosi per la rassegna gastronomica intitolata “Fossa, tartufo e cerere”, con il mercatino del tartufo bianco pregiato delle colline riminesi e la festa della sfossatura del formaggio di fossa. Mostre, mercatini, musica e incontri dedicati ai prodotti agricoli faranno da cornice all’evento. Nello stesso weekend, sempre nel riminese, Coriano dà il benvenuto alla Fiera d’autunno, dove si potranno trovare tutti i prodotti tipici della stagione e della zona, in primis funghi e tartufi, ma anche olive nostrane, vino, miele, formaggi e prodotti macrobiotici. Tanti saranno i prodotti artigianali e le iniziative collaterali come le mostre, la rievocazione di antichi mestieri e le degustazioni.

Gli amanti del il tartufo bianco hanno a disposizione ben tre weekend consecutivi (8-10, 15-17, 22-24 novembre) per visitare la Sagra del Tuber Magnatum Pico a Sant’Agostino in provincia di Ferrara.

Per maggiori informazioni, visita il sito di Emilia-Romagna Turismo.

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Calciomercato: il Real Madrid alza la richiesta per Khedira

utlime notizie calciomercato

Inter: contatto Leonardo-Thorir