in ,

Tatuaggi maori, piccoli, scritte e giapponesi: le tendenze tattoo dell’estate 2016

Un’indagine portata avanti dall’Istituto superiore di sanità stima che sono circa 7 milioni gli italiani con almeno un tatuaggio, pari al 12,8% della popolazione dai 12 anni in su. Un fenomeno che ha preso dimensioni tali da spingere l’Istat ad approfondire la ricerca dal quale è emerso che il primo tatto sul corpo si fa a circa 25 anni, ma la generazione dei più tatuati ha un’età compresa tra i 35 e i 44 anni con il 29,9%. Quali sono però i tatuaggi più cercati in vista dell’estate 2016? Come ogni moda, in base al periodo cambiano le tendenze; così anche per i tatuaggi sono in arrivo nuovi stili e grandi ritorni.

Se si inserisce nel motore di ricerca Google il termine tatuaggi, le parole più cercate dagli utenti che gli si affiancano sono: maori, piccoli, scritte e giapponesi. Sono quindi questi i trend del momento per quel che riguarda il mondo dei tatuaggi; ma di cosa si tratta? Il primo termine cercato è “maori”, una delle categorie di tatuaggi più in voga da sempre in Italia; allo stesso tempo però si tratta anche di uno degli stili più densi di significato e particolare. Si tratta infatti di disegni che la tribù Maori, popolazione della zona nord della Nuova Zelanda, utilizza come rito di passaggio dalla giovane età a quella adulta: è un passaggio doloroso e ricco di significato che fa entrare nella comunità. Il tatuaggio maori inizia in quel momento ma continua per tutta la vita, aggiungendo simboli che rappresentino le fasi importanti della vita.

tatuaggi, tatuaggi maori, tatuaggi piccoli, tatuaggi piccole uomo, tatuaggi piccoli donne, tatuaggi scritte, tatuaggi scritte nomi, tatuaggi giapponesi, tatuaggi estate 2016, tatuaggi tendenze,

Il secondo termine più cercato dagli utenti di Google con tatuaggi è “piccoli”; in questo caso c’è sicuramente la voglia di appartenere alla categoria di chi ha un tattoo ma lo si vuole fare con qualcosa di poco appariscente. Anche in questo caso si può scegliere da piccoli animali, simboli o scritte solitamente disegnati con una sola riga, con il profilo, e non riempiti di colore.  Al terzo posto c’è invece “scritte”; in questo caso la scelta è del tutto personale ed è importante scegliere una frase che appartenga al proprio vissuto. Le scelte più importanti sono che tipo di alfabeto e quale font utilizzare. Infine al quarto posto della classifica dei tatuaggi si trova “giapponesi”, un altro stile tradizionale del mondo dei tattoo anche se relativamente recente (nasce intorno al 1600). Gheishe, dragoni, fiori di loto e foglie di bamboo non sono gli unici temi dei tatuaggi giapponesi anche se sicuramente sono i più conosciuti; l’originale tatuaggio giapponese è fatto a mano da maestri della tradizione e in Italia sono davvero pochi: per questo bisogna prestare attenzione a chi ci si rivolge per farlo.

Foto: Instagram

7 borghi in Liguria da visitare

7 borghi bellissimi in Liguria: dove andare per il ponte del 2 giugno 2016 e non solo

pint of science italia 2016

Pint Of Science Italia 2016, la scienza spiegata nei pub