in ,

Taylor Swift contro Scooter Braun: “Mi ha bullizzata per anni!”

In questi giorni c’è grande polemica nel mondo della musica. A scatenare tutto è lo scontro tra Taylor Swift e Scooter Braun, il manager di Justin Bieber. A quanto pare Braun ha acquistato l’ex etichetta discografica dove lavorava Taylor Swift, con essa avrebbe anche acquisito i diritti sulla musica che ha prodotto. La cantante lo ha accusato di averla bullizzata. Il mondo del music business è diviso in due.

taylor swift contro Braun

leggi anche: Cecilia Rodriguez Instagram, il lato B emerge dall’acqua: fan sbalorditi

La lettera di Taylor Swift contro Braun

Scooter Braun ha acquistato la Big Machine, l’etichetta discografica con cui Taylor Swift ha pubblicato i suoi primi sei album. La cantante americana si è sfogata pubblicando una lunga lettera. Prima ha raccontato del rapporto con la vecchia etichetta: “Per anni ho chiesto, implorato di poter essere la proprietaria dei miei contenuti. Invece, mi è stata solo offerta la possibilità di firmare nuovamente con la Big Machine Records. Me ne sono andata perché sapevo che una volta che avessi firmato, Scott Borchetta avrebbe venduto l’etichetta, vendendo me e il mio futuro. Ho dovuto prendere la durissima decisione di lasciarmi il passato alle spalle“.

Poi sono iniziate le accuse nei confronti di Scooter Braun: “Si è comprato i miei master. Tutto quello che riesco a pensare è l’incessante e manipolativo bullismo che per anni ho dovuto sopportare da parte sua. Proprio come quando Kim Kardashian ha orchestrato una mia chiamata (registrata illegalmente) finita “per caso” online e Scooter si è preso due nuovi clienti per bullizzarmi online. O quando il suo cliente, Kanye West, ha girato un video a luci rosse senza il mio permesso dove mi si vede svestita. Adesso Scooter mi ha spogliato del lavoro della mia vita, che non ho avuto la possibilità di comprare. Essenzialmente, la mia eredità musicale è ora nelle mani di qualcuno che ha cercato di distruggerla“.

taylor swift contro Braun

leggi anche: Justin Bieber: “Pregate per me”, l’appello ai fan mentre combatte la sua malattia

Cosa ne pensano i colleghi

Le parole di Taylor sono durissime, ma soprattutto trasmettono un grande senso di impotenza di fronte ciò che le sta accadendo. Lavorare per tanto tempo a qualcosa e non avere più alcun diritto su esso non è una cosa bella. Tanto meno se chi possiede ciò che hai creato è una persona che ti ha messo a lungo i bastoni tra le ruote. In difesa di Scooter Braun arrivano due dei suoi più famosi clienti: Justin Bieber e Demi Lovato. Le parole di Bieber sono un po’ confusionarie e, probabilmente, il cantante non ha ben chiaro a cosa si riferisca la Swift. Invece Demi Lovato afferma: «Ho avuto a che fare con persone cattive in questa industria e Scooter non è una di queste».

Alla fine però l’ultima parola rimane a Scott Borchetta, ex proprietario della Big Machine. A quanto pare sembra che, a differenza di quanto affermato da Taylor, fosse stata informata per tempo del cambiamento e che Scott Braun aveva tutte le intenzioni di aiutarla. Quale sia la verità rimane un mistero, però il caso ha fatto grande scalpore e tanti musicisti si sono schierati a favore di Taylor Swift: Cher, Halsey, Iggy Azalea, Cara Delevingne, Martha Hunt, Sara Sampaio, Todrick Hall e la mamma di Selena Gomez.

Alessia Marcuzzi la foto “magrissima” su Instagram divide in due i follower

Giulia De Lellis in versione Baywatch su Instagram: «Si, ma con quelle gambe corte…»