in ,

Telecom Italia: l’ok dell’Agcom allo scorporo della rete

Questo è ciò che si evince dal documento ufficiale: “Si tratta di un passaggio necessario all’avvio della successiva analisi di mercato che coinvolgerà tutti gli operatori del settore”.

Lo scorporo consiste nella “cessione”, in parte, della proprietà sulla rete. Già valutato da circa 10 anni come una fase necessaria per l’annullamento del digital divide tecnologico italiano e per uno sviluppo della copertura broadband sul territorio nazionale, ma mai attuato. In sostanza lo scorporo permetterà l’ingresso facilitato a tutti i nuovi operatori alternativi nella telefonia fissa e internet.

Si legge nella nota: “nell’ambito dell’analisi preliminare gli Uffici hanno esaminato sia la proposta inviata da Telecom Italia il 30 maggio scorso, sia la documentazione acquista nel corso del tavolo tecnico con i rappresentanti dell’azienda”.

Dal quartier generale di Telecom Italia, i vertici
fanno sapere che la società ha in corso discussioni con i partner in merito alla struttura di telco, la holding che controlla il 22,4% di Telecom: “Stiamo parlando con i nostri partner in merito alla struttura di telco, al momento non è stata presa alcuna decisione, le discussioni sono in corso”. Per quanto riguarda invece l’investimento nella società italiana, il gruppo si è poi espresso dicendo: “Crediamo di mantenere l’investimento”.
telecomunicazioni,antenne


C’è anche un punto importante da considerare, cioè la concorrenza del settore tlc. Sia Metroweb che Fastweb hanno in ballo progetti grossi, quest’ultima ad esempio ha un piano Vdsl2 su 20 città al 2014. Non si può di certo negare che Telecom ha bisogno di nuovi partner, questo per accedere a nuovi imvestimenti per affrontare al meglio la prossima grande sfida nazionale: dare all’Italia una rete di nuova generazione degna di un Paese industrializzato.

Proprio in queste ore il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanontato, ha espresso il suo “avanti tutta” verso la banda larga, questo è quanto detto al Corriere delle Comunicazioni: “Stiamo lavorando molto sulla banda larga perché ci teniamo particolarmente: fa parte di tutta l’operazione Agenda Digitale e serve per superare il digital divide che purtroppo caratterizza ancora una parte dell’Italia”.

emma marrone e marco bocci

Emma Marrone e Marco Bocci: la coppia ha iniziato le ferie in Salento

max 20

Max Pezzali ha rubato il primo posto a Moreno nella classifica Fimi