in

Tendenze capelli 2014, la primavera scoppia in testa!

Capelli corti, lunghi, ricci, lisci o mossi. Tutte le tinte vengono ritinteggiate. Se in casa è il momento delle pulizie di primavera, in testa è possibile rifarsi il look e fare tendenza!

chignon con oggetti

Basta qualche sforbiciata al posto giusto, due spennellate o qualche “alone di colore” per dare luce alla chioma, una pettinata glamour e il parrucco sarà a prova di vento primaverile… Il viso sarà al centro di una cornice di capelli che metterà in risalto persona e personalità. I più famosi saloni propongono idee e sfoderano consigli alle donne, parole giuste per teste perfette. Termini che sembrano usciti da grandi libri di arte ed architettura post-contemporanea applicati all’estetica dei capelli. Parole chiave per capire come si è: urbane e futuristiche, piuttosto che naturali, giocose ed eleganti, etniche, easy, comode, con look destrutturati o con le classiche capigliature “modello base”. Ed ancora frange o non frange? Dritte o laterali? Trecce o chignon? Capello sciolto o raccolto? Riga in mezzo o accennata? Effetto “tondo” o sfilato? Per quanto riguarda i colori non c’è che scegliere, è primavera, si va verso l’estate, va bene tutto! Colori pastello e metallizzati, passando per le tinte naturali con riflessi bronze-dorati, ovviamente i colori scuri non passano mai di moda… Tutto è ammesso e concesso, più “passa un diavolo per la testa” meglio è!

I capelli sono un nostro scudo naturale, di protezione, nonchè una delle prima cosa che appare guardando una persona. Sentirsi bene, quale sia il colore, il taglio o la forma, ecco la chiave. Qualora dovessimo sbagliare totalmente potremmo sempre optare per una parrucca divertente, prima o poi tornerà di moda e a rilanciarla potremmo essere noi!

photo credit: teobonjour – www.matteomignani.it via photopin cc | Guillaume Brialon via photopin cc

Seguici sul nostro canale Telegram

ragazzo sul divano a pancia in giù

Couchsurfing. Dormo sul tuo divano… è low cost!

Coisp provocazioni

1° Maggio a Roma: il sindacato Coisp in giro con pubblicità shock