in ,

Tendenze moda primavera estate 2015: come si portano i jeans a vita alta?

Tra le tendenze moda primavera estate 2015, ritorna anche un grande must have, in parte rigurgito degli anni Novanta: il jeans skinny a vita alta. Quando si pensa a questo modello in denim si viene immediatamente catapultate in una puntata avvincente di Beverly Hills 90210, quando Kelly e Brenda dettavano moda a colpi di crop top e capigliature improbabili.

Eppure, anche se le tendenze moda primavera estate 2015 sono un inno spassionato agli anni Settanta, le fashioniste si divertono ancora a sfoggiare le loro curve con i jeans a vita alta. Infatti, questo modello di pantaloni può essere molto sensuale, ma come si indossa? Per prima cosa è necessario ammettere che il jeans a vita alta è particolarmente indicato a chi non ha i fianchi molto larghi, pena l’effetto insaccato. Presuppone inoltre una vita stretta, proprio perchè l’attenzione ricadrà sull’abbottonatura. Sarebbe opportuno indossare questi jeans con un top corto dalla forma geometrica, anche leggermente svasato o, ancora meglio, con i micro-top che come grandezza equivalgono ad una brassiere. Anche una t-shirt allacciata sopra l’ombelico, ha un aspetto convincente, magari avendo poi il gusto di indossare sopra una camicia in denim o country, anch’essa allacciata con un nodo.

Per far fronte alle temperature non ancora molto calde, questo look dall’appeal metropolitano potrà essere arricchito con una versity jacket, dall’aspetto molto collegiale o una maxi felpa. Si noti che questa tendenza moda primavera estate 2015, all’occorrenza può anche tramutarsi in un look dal feeling grunge-punk. Come? Basta scegliere accessori giusti come il chiodo nero, un paio di anfibi e, se proprio si vuole esagerare un bel paio di guantini corti. Collane in metallo sovrapposte e anelli faranno il resto, a patto di non esagerare, il rischio di far saltare un metal detector non deve essere invalidante.

 

Foto: Twitter.com @Etsy_Team_LOVE

Omicidio Pordenone ultime news

Omicidio Pordenone: chi sono i due testimoni dell’inchiesta e cosa hanno visto?

Whats App

Cacia, attaccante del Bologna, squalificato per minacce via WhatsApp