in

Tenta di fare sesso con il suo gatto e fornisce un’improbabile giustificazione

Rischia il carcere con l’accusa di tentato stupro del gatto, il 40enne Michael Navage, finito a processo dopo l’intervento della polizia nel suo appartamento di Mesa, in Arizona. Allertati dai vicini che avevano sentito i versi di un animale in difficoltà, descritti come vere e proprie urla, gli agenti erano intervenuti – si è poi scoperto – proprio su chiamata dello stesso Navage che, per primo, aveva chiesto soccorso perché il gatto “era bloccato sul suo pene”. All’arrivo della polizia davanti all’abitazione, però, l’uomo si era rifiutato di aprire la porta, ma, una volta entrati, quella che si è prospettata agli agenti è stata una scena davvero bizzarra.

Tenta di stuprare il gatto, la bizzarra giustificazione

“Nudo, in piedi in mezzo al bagno con un gatto parzialmente avvolto in un asciugamano posto sui suoi genitali”: così la polizia ha trovato Michael Navage, che in primo luogo, ha dichiarato si trattasse di un incidente avvenuto mentre lavava il gatto sotto la doccia e cercava di asciugarlo. Dichiarazione presto smentita da un vicino che ha affermato di aver sentito l’uomo urlare parole esplicitamente sessuali al gatto. E nonostante il 40enne continuasse a negare il rapporto con l’animale, anche la diagnosi del veterinario, intervenuto per accertare i fatti, ha smentito le dichiarazioni di Navage.

Sesso con il gatto, rischia il carcere per stupro

La presenza di lacerazioni sulla superficie dell’ano, le ferite e i piccoli tagli tutt’attorno all’ano avrebbero confermato la violenza. Inoltre, i raggi X avrebbero messo in evidenza precedenti lesioni costali, in seguito guarite, di cui il felino avrebbe sofferto. Accuse pesantissime, dunque, per il 40enne sottoposto a processo, in cui sono emerse, poi, anche le imputazioni per contraffazione e possesso di droghe. Il primo aprile, Michael Navage, dovrà comparire in tribunale.

Leggi anche —> Napoli crollo Chiesa Incurabili: le ipotesi sulle cause

Anna Tatangelo su Gigi D’Alessio: «Inizialmente ci odiavamo, poi…»

elezioni regionali 2019 basilicata vito bardi

Elezioni regionali Basilicata 2019 risultati definitivi: vince il Centrodestra, crollo M5S