in

Tentata rapina sull’A1: una lunga mattinata al volante

Si ok, piove, ma l’autostrada è larga e dritta e il tempo richiesto per il trasferimento non arriva manco ad un paio d’ore. Ecco,avete presente le ultime parole famose?  Chiodi sull’asfalto camion dati alle fiamme, un portavalori in fuga e l’A1 bloccata per quattro ore. Evviva. Il caso ha voluto (ma proprio solo il caso) che chi scrive quell’autostrada ieri mattina non l’abbia presa, decidendo di fare il primo pezzo di Statale (cioè la via Emilia).

“Passo a trovare quel mio amico barista che è un po’ che non lo vedo, tanto a quest’ora è sicuramente al bar a lavorare. E’ qui vicino e ho tempo”. Sì, ma quanto? Alle 7 di mattina diluvia e tentare di dirigersi verso il casello di Lodi è pura follia. “..azzo, meno male che volevo rientrarci in autostrada, lasciamo perdere va, andiamo a Piacenza che è meglio, chissà che c… è successo qui”.

Dall’uscita della tangenziale (di Lodi) fino al casello dell’autostrada (qualche chilometro) è tutto fermo, ma proprio fermo, completamente. Tirando dritti si “scorre” la coda che si è formata in direzione Milano. Anche in questo caso trattasi di qualche chilometro. Anche in questo caso tutti fermi. Pure chi l’autostrada non la deve prendere e sta andando verso Milano ma non ha ancora passato lo svincolo per l’A1. “Menomale che vado a Piacenza, non c’è nessuno, che culo”. Ecco, avete presente le ultime parole famose (e 2)? Prima di Zorlesco (frazione “lontana” di Casalpusterlengo) tutti fermi, ancora. Chilometri e chilometri di coda. A dire il vero si è quasi fermi. Ogni tanto si va avanti. Proprio ogni tanto. Più o meno un km e mezzo, due, ogni 30 minuti. A Casalpusterlengo, o meglio lì vicino c’è un casello. Cominciano a trapelare le notizie. Autostrada bloccata, per incidente. Da “dentro” (la A1) riferiscono che continuano a passare camion dei pompieri a carri attrezzi, un mezzo esercito.

Andiamo avanti: il vantaggio di non essere in autostrada è che puoi deviare. Se hai un navigatore “panoramico” puoi studiarti la strada anche se a malapena sai dove sei e decidere dove andare in base a come si muove il pallino sullo schermo dello smartphone. Ogni volta che guardi il pallino hai dei seri dubbi sulla distanza dall’incrocio al quale devi girare a destra, o a sinistra ma tant’è, oggi è andata così. Le traversie finiscono o quasi quando , in prossimità di Guardamiglio-Piacenza Nord (dopo aver aggirato Casalpusterlengo) ci si immette nuovamente sulla via Emilia. In quel tratto è a doppia corsia, ma c’è colonna comunque. Però, dopo un’oretta e mezza due di sbattimenti finalmente si vede l’A1 libera. Il tratto è quello successivo a quello del fattaccio. Entri e dietro c’è il deserto. Davanti, sull’altra carreggiata, pure. La polizia ha deviato il traffico in direzione Milano fuori dall’A1.

Una ricerca della strada perduta, quella di stamattina, accompagnata delle incredibili notizie diffuse via radio. “Assalto al portavalori” “Tir in fiamme” “chiodi sulla carreggiata”. Roba da film americani. All’inizio pareva quasi uno scherzo. Magari la radio oggi è burlona pensi. Però se le radio sono tre o quattro capisci che è vero. E allora ti viene quasi da ridere. Quasi. In un bar (un altro) c’è chi si chiede a chi diavolo possa essere venuto in mente di assaltare un blindato alle sei di mattina. Come se ci fosse un orario migliore ed un orario peggiore.

E’ sera, ormai è passata. A un distributore alcuni autisti professionali, rimasti bloccati per 4 ore, esorcizzano la cosa e scherzano tra di loro. Uno con l’accento palesemente meridionale prende in giro i rapinatori a modo suo. Traducendo: “Tutto sto casino e non han rubato niente, ma andate a lavorare che è meglio.”

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

Roberta Ragusa news processo logli

Roberta Ragusa ultime notizie Quarto Grado: i figli non hanno più contatti con la famiglia materna

Elena Ceste ultime notizie l'Autopsia probabilmente non potrà stabilire com'è morta

Elena Ceste ultime notizie Quarto Grado: le bugie del marito saranno smascherate dai cellulari?