in

Terremoto a Norcia, nuove scosse oggi: la terra continua a tremare

Non ha pace Norcia e con la cittadina umbra tutta l’area del centro Italia che ancora porta le ferite delle tragiche sequenze sismiche di agosto e ottobre 2016. Da giorni si è attivato un nuovo ed intenso sciame sismico, per il momento culminato con una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 registrata nella notte tra sabato 31 agosto e domenica 1° settembre. Negli ultimi tre giorni si sono verificati diverse decine di eventi sismici.

Le scosse di terremoto di oggi, mercoledì 3 settembre 2019

A partire dalla mezzanotte di oggi, mercoledì 3 settembre 2019, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) ha registrato ben 13 scosse di terremoto, tutte con epicentro nella zona di Norcia. La più forte, di magnitudo 2.3 gradi della scala Richter, è stata rilevata alle 4:10 del mattino, con epicentro 3 km ad est del centro urbano di Norcia, ad una profondità di 10 km. L’apprensione tra la popolazione, pur abituata agli eventi sismici, resta alta soprattutto per l’aumento delle frequenza delle scosse.

Cosa dice la gente di Norcia

«E’ uno stillicidio, un tormento. Avevo ricominciato a dormire almeno un po’, giusto qualche ora, ma adesso l’insonnia si è ripresa le mie notti», racconta Francesca, commerciante, raggiunta telefonicamente da UrbanPost. Le scosse di notte, è quasi scontato ricordarlo, fanno ancora più paura, per il timore di non riuscire ad abbandonare le case prima di eventuali crolli. «Più che per me, ho paura per i miei figli», spiega la giovane umbra, mamma di una bimba di 7 e di un bimbo di 5 anni. Francesca è tra le cittadine di Norcia che ha avuto abitazione e attività commerciale seriamente danneggiate dal sisma, ma è riuscita almeno in parte a ricominciare. «Penso agli amici di Amatrice, anche se in questi giorni le scosse di terremoto sono meno frequenti in quell’area. Non è possibile che il paese sia ancora del tutto bloccato dalle macerie, è come morire due volte», sbotta Francesca che poi racconta (con la preghiera di non diffondere particolari), la drammatica vicenda di un’amica di Amatrice, morta sotto le macerie del suo paese il 24 agosto 2016

I Vigili del Fuoco in azione a Norcia per recuperare le opere d’arte negli edifici danneggiati dal terremoto del 30 ottobre 2016 – © Vigili del Fuoco

«Una storia senza fine, a livello psicologico queste scosse ci devastano». A parlare è Gianni Coccia, agricoltore e animatore della comunità di Castelluccio di Norcia. «Eravamo da poco andati a dormire – spiega raccontando della scossa di sabato notte –  quando la terra ha di nuovo tremato. E ti torna in mente tutto quello che hai vissuto in questi ultimi tre anni e ti chiedi: ma chi me lo fa fare di continuare a restare qui? La risposta la trovi nell’amore per la propria terra, ma non so quanto sia ancora giusto insistere».

terremoto a norcia

Cosa dicono i sismologi

Sul nuovo sciame sismico attivo nell’area di Norcia i sismologi sono concordi: è “normale”, nel senso che si tratta della normale attività di un’area classificata a rischio sismico elevato (nella foto sopra la mappa di pericolosità sismica della zona: Norcia si trova in corrispondenza della stella, ndr). Di più, in conseguenza delle forti serie sismiche di agosto ed ottobre 2016, si sono verificate deformazioni ed abbassamenti di alcune aree, tra cui quella della piana di Castelluccio di Norcia. «L’abbassamento percepito dai satelliti, è quello legato alle faglie distensive, il cui meccanismo è collegato all’allontanamento tra Adriatico e Tirreno. In parole povere  l’Appennino si sta allargando e questo può provocare, in seguito a forti terremoti, abbassamenti di alcuni settori di crosta» spiegava tempo fa il sismologo dell’Ingv Andrea Tertulliani in un’intervista a Perugia Today. Un dissesto geologico progressivamente sempre più grave che inevitabilmente alimenta l’attività sismica, provocando nuove scosse di terremoto in tutta l’area. >> Le notizie sui terremoti in Italia

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Giorgio Chiellini Instagram, la foto in ospedale unisce ogni colore: «Sei una roccia, ti aspettiamo»

Mahmood incidente al mare, il cantante ferito alla testa: cosa è successo