in

Terremoto a Rieti: scossa di magnitudo 3.5 preceduta da un boato

La terra torna a tremare e questa volta nel Lazio. Un terremoto di magnitudo 3.5 si è registrato in provincia di Rieti oggi pomeriggio 27 agosto 2019. Una scossa che ha fatto spaventare moltissime persone in quanto è stata preceduta da un fortissimo boato. Il terremoto è stato avvertito anche ad Amatrice. Immediatamente la mente si è catapultata nel passato. Nella notte del 24 agosto 2016, alle 3.36, una potente scossa di terremoto di magnitudo 6 colpì Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria lasciando 299 morti, 365 feriti e migliaia di sfollati. Basta una scossa, anche lieve, per far rivivere quei tragici momenti. Poco dopo la scossa di Rieti, un altro terremoto si è verificato anche a Norcia, in provincia di Perugia.

Leggi anche –> Terremoto Amatrice, tre anni dopo: popolazione ancora senza casa

Terremoto Rieti: torna la paura dopo Amatrice

Un terremoto si è verificato oggi, 27 agosto 2019, in provincia di Rieti alle 15.18. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha rilevato una scossa di magnitudo 3.5 con epicentro a Cittareale e profondità di 12 chilometri. Tra i comuni più vicini all’epicentro anche Accumoli e Cascia. Il terremoto è stato anticipato da un boato. Il forte rumore è stato udito in tutta l’area vicino all’epicentro. La scossa è stata avvertita chiaramente anche ad Amatrice e in centri più lontani come Teramo. Alle ore 15.20 è stata registrata una seconda scossa, sempre nella stessa area, ma con una magnitudo di 2.4.  Altre due scosse sempre nella giornata di oggi, 27 agosto 2019, sono state invece registrate a Norcia, in provincia di Perugia. La prima scossa è stata di magnitudo 2.8 e la seconda di 2.2. Per ora non si sono registrati né danni né feriti. Lo spavento è stato comunque tanto, soprattutto a causa dei ricordi e della paura di un passato ancora troppo vivo nelle menti dei cittadini di quelle zone.

La situazione ad Amatrice tre anni dopo

La notte del 24 agosto 2016 non potrà mai essere dimenticata dagli abitanti di Amatrice. La scossa di terremoto di magnitudo 6 spazzò via in un attimo la loro quotidianità. Riprendere a vivere dopo una tragedia del genere non è mai facile. I paesi più colpiti  furono Amatrice e Accumoli, nel Reatino, dove i morti furono rispettivamente 237 e 51. Ancora oggi interi borghi sono ridotti in macerie. Per questo basta una scossa, seppur lieve, per far rivivere il terrore di quella notte.

Leggi anche –> Sorrento, tragedia nel Vallone dei Mulini: giovane precipita nel dirupo e muore

Il principe Harry al matrimonio della sua ex: che farà Meghan?

Miriam Leone età, altezza, peso, vita privata e carriera: tutto sull’attrice italiana