in ,

Terremoto Amatrice, Pirozzi: «Fondi ricostruzione prima a noi e Accumoli, altrimenti ribalto il banco»

«I fondi della ricostruzione post-terremoto devono arrivare prima ad Amatrice e Accumoli». E’ forte il messaggio di Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice e candidato a governatore del Lazio, intervenuto oggi ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia” condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Il Sindaco del paese appenninico distrutto dal sisma dello scorso anno parla della ripartizione del secondo stralcio di fondi per la ricostruzione, che sarà effettuato domani. «Aspettiamo di vedere cosa succederà domani – dice ai microfoni di Radio CusanoPer poter parlare di ricostruzione prima bisogna rimettere in sicurezza i territori a rischio idrogeologico, noi qui abbiamo parecchie aree in frana segnalate da anni. Poi devono essere finanziate le infrastrutture come fognature e acquedotti».

Tutte le notizie sul terremoto ad Amatrice

Poi il messaggio diretto al Governo e la minaccia di “ribaltare il banco” in caso di mancato rispetto delle promesse. «Quel 14% di fondi che spetta alla nostra regione – dice Pirozzi – che secondo noi è poco, mi auguro che venga indirizzato per quei comuni che hanno avuto la distruzione, che siamo noi e Accumoli. E’ chiaro che se non succede questo io ribalto il banco. Non vorrei che si ripetesse quello che è successo con gli sms solidali. Il principio è uguale. Mi auguro che per ricostruire prima si dia priorità a quei paesi che hanno avuto tutta la distruzione. Non vorrei che invece venisse data priorità ad altre cose. Su questo, fosse l’ultima battaglia che faccio e poi faccio come Cincinnato e mi ritiro da tutto».

Tutto sui terremoti in Italia

Sull’aumento dei suicidi nelle zone terremotate, il sindaco di Amatrice ammette l’esistenza del problema ma fa sapere che «direttamente ad Amatrice problemi di questo tipo non ci sono stati, ma c’è una fragilità che deriva da tanti fattori: dalla perdita dei propri cari, dalla vista continua delle macerie e dal ritorno del terremoto. Si sta cercando di fare il possibile col supporto della Asl e delle associazioni che lavorano sul territorio».

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

TURCHIA TRENO DERAGLIATO OGGI

Travolti da treno in transito: morti due anziani a Cesano Maderno

maltempo emilia romagna

Emilia Romagna tracima l’Enza nel Reggiano, evacuate mille persone: “Situazione complessa e in evoluzione”