Menu
in

Terremoto Calabria, nuove scosse questa mattina nel Catanzarese: trema ancora la terra ad Albi

Trema ancora la terra in Calabria: due nuove scosse di terremoto sono state registrate questa mattina, lunedì 20 gennaio 2020, ad Albi. Il sisma ha interessato la stessa area in cui solo qualche giorno fa, lo scorso 17 gennaio, si era verificata una scossa di magnitudo 3.8 in seguito alla quale buona parte della popolazione si era riversata in strada.

Terremoto Calabria: nuove scosse stamani ad Albi

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha registrato questa mattina, lunedì 20 gennaio 2020, due nuove scosse di terremoto con epicentro ad Albi, in provincia di Catanzaro. La prima, di magnitudo 2.1, si è verificata alle 5.55 con epicentro a 6 chilometri da Albi; la seconda –sempre nello stesso punto – alle 6.06, riporta invece magnitudo 2.9. Le scosse registrate stamani dall’INGV si aggiungono a quelle del 18 gennaio, già seguite al primo forte sisma del giorno precedente. I simografi hanno in quell’occasione registrato una prima scossa all’1.27 – nel comune di Albi – di magnitudo 2.1 e una seconda alle 15.12 di magnitudo 3.3 con epicentro a Papasidero, nel Cosentino. Seppur rilevante, quest’ultimo sisma non ha destato particolari preoccupazioni per via della profondità elevata, a 272 km.

La prima forte scossa qualche giorno fa

Ha preoccupato, invece, la prima forte scossa avvenuta poco prima dell’1 del 17 gennaio: inizialmente riportata con una magnitudo pari a 4, è stata poi classificata con un 3.8. Con epicentro nel comune di Albi, il sisma è stato avvertito dalla popolazione: numerose le chiamate giunte al numero di emergenza dei vigili del fuoco che insieme ai carabinieri si sono subito attivati per le necessarie verifiche. Molte persone, specie i residenti ai piani alti delle abitazioni, svegliatesi di soprassalto sono scese in strada. Fortunatamente nessun danno a persone o cose è stato registrato. Il susseguirsi di nuove scosse, però, continua ad alimentare la paura.

Leggi anche —> Ricostruzione post-terremoto, Pirozzi: «Manderei sotto processo per sequestro di persona quelli che non stanno facendo niente»