in ,

Terremoto Centro Italia: il campo di Amatrice raccontato dalle fotografie dei bambini

“Penta pinta pin però” sono state le prime parole magiche svelate dal Mago Lapone al campo per l’infanzia che Anpas ha organizzato per i bambini delle zone colpite dal terremoto in Centro Italia lo scorso 24 agosto 2016. Una piccola formula magica per esorcizzare quanto è accaduto e attraverso il quale i bambini hanno imparato a vivere la quotidianità nel campo di accoglienza di Amatrice. Il loro punto di vista è importante ed è per questo che Anpas ha organizzato per sabato 8 ottobre 2016 l’inaugurazione della mostra fotografica “‘Penta  pinta pin però’ il campo visto dai loro occhi, un po’ più in su del terremoto” costituita da circa 100 foto scattate al campo dai più piccoli. 

In questo mese e mezzo tra le macerie, la vita al campo, i cari perduti e tanta sofferenza c’era la necessità di lasciare una testimonianza ma soprattutto di permettere ai bambini di raccontare il loro punto di vista su questa tragedia e su come la affrontano. Attraverso le foto della mostra i bambini raccontano la vita quotidiana del campo di accoglienza: la cucina, la lavanderia, gli spazi comuni, i volontari, i giochi, le tende, la mensa, i soccorritori venuti da tutta Italia, l’esercito, il campo è visto “dai loro occhi, alla loro altezza, un po’ più in su del terremoto”. 

A sostenere in prima linea la nascita di questo progetto gli educatori e gli insegnanti del campo base, figure specializzate nell’aiutare i bambini ad affrontare traumi di questo genere. La prima tappa della mostra sarà al Reas, il Salone dell’Emergenza dal 7 al 9 ottobre a Montichiari, in provincia di Brescia. I fondi raccolti dal progetto fotografico curato dai più piccoli andranno ad “Amatrice a tempo”, a sostegno della comunità colpita dal terremoto in Centro Italia.

Foto e video: courtesy press office

Seguici sul nostro canale Telegram

Inter calcio, Gabigol finalmente in rete: rigore decisivo al Lugano

Un Medico in famiglia 10

Un Medico in Famiglia 10 non va in onda oggi: ecco perchè