in ,

Terremoto in Cile magnitudo 8.3, 5 morti e 15 feriti: è allarme tsunami

La terra trema in Sud America: un sisma di magnitudo 8.3 si è verificato nella serata di mercoledì al largo della costa centrale del Cile. Il bilancio provvisorio è di almeno 5 morti, 15 feriti e 1 milione di evacuati.

Ora è altissimo il rischio tsunami nel Pacifico: onde alte 4 metri hanno raggiunto le zone del nord, per questo è scattata l’evacuazione preventiva su tutta la costa. L’epicentro è stato localizzato nella regione di Coquimba, a 11 metri di profondità nella zona di Illapel, circa 200 km a nord di Santiago. La prima scossa dello sciame sismico, registrata alle 19.54 ora locale è stata definita “molto lunga”, seguita da altre di intensità minore con magnitudo 6.1 alle 20.03 e magnitudo 6.8 alle 20.16. Trendadue le repliche registrate in cinque ore.

La presidente Michelle Bachelet ha comunicato che la situazione è ancora in evoluzione – “stiamo monitorando le condizioni in cui si trova ogni città, nonché sulla costa”, queste le sue parole –  annunciando che oggi si recherà nella regione di Coquimbo, 300 km a nord di Santiago, al fine di “prendere misure in modo rapido”. Si tratta del sisma più violento mai verificatosi in Cile dal 2010, avvertito anche in diverse regioni del nord e in Argentina.

Italia – Lituania 85-95 sintesi e highlights Europei Basket 2015

Enogastronomia in Toscana: 4 itinerari da non perdere, da Montespertoli a Castellina in Chianti

Enogastronomia in Toscana: 4 itinerari alla scoperta del Chianti e del salame di Cinta senese