in ,

Terremoto in Centro Italia, la satira di Charlie Hebdo non risparmia le vittime del sisma

Il periodico satirico francese “Charlie Hebdo”, la cui sede è stata attaccata dall’Isis nel 2015, non ha risparmiato sulle sue pagine le vittime del terremoto che il 24 agosto scorso ha colpito il Centro Italia; una vignetta sul numero del 31 agosto infatti è stata pubblicata con il titolo “Terremoto all’italiana”, il tutto mentre ad Amatrice e negli altri comuni colpiti dal sisma si continua a scavare.

Nella rappresentazione satirica compaiono due persone insanguinate e altre sepolte sotto alcuni strati di pasta accompagnate dalle scritte “Penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne”; la vignetta è stata pubblicata nell’ultima pagina del numero del 31 agosto, in cui compare anche un colonnino con una serie di battute sul terremoto: “Circa 300 morti in un terremoto in Italia. Ancora non si sa se il sisma abbia gridato ‘Allah akbar’ prima di tremare.” 

Quanto apparso su Charlie Hebdo ha fatto subito scoppiare polemiche in Italia, con alcuni che hanno commentato l’immagine sui social, arrivando ad affermare di “non essere più Charlie”(#jesuisCharlie era lo slogan comparso in rete dopo la strage del 2015); altri si sono limitati semplicemente a criticare aspramente il black humour che in questo caso ha ironizzato su una catastrofe che ha portato alla morte di centinaia di persone.

Moto gp orari

Moto Gp Silverstone 2016 orari, diretta tv, streaming di prove libere, qualifiche e gara

Mostra del Cinema di Venezia 2016, Dario Argento e Nicolas Winding Refn presentano “Zombi”