in

Terremoto in Nuova Zelanda: magnitudo 6.5 ma nessun danno tranne il Parlamento

Al largo delle coste orientali della Nuova Zelanda, tra l’Isola del Nord e l’Isola del Sud, si è verificato un forte terremoto di magnitudo 6.9, alle 17,09 ora locale (le 7,09 in Italia). Il sisma, secondo i rilievi effettuati dal Servizio geologico statunitense (Usgs), ha avuto ipocentro a 31 km di profondità ed epicentro a 57 km a sud-sudovest della capitale Wellington.20 luglio

Il terremoto è durato circa un minuto, non è stato dato allarme tsunami e non ha provocato morti o feriti gravi, soltanto alcuni danni materiali. Il sisma è stato avvertito persino ad Auckland e ha danneggiato la sede del Parlamento della capitale. Alcuni testimoni hanno raccontato dove si trovavano e cosa hanno fatto al momento del sisma: una ragazza ha spiegato che si è nascosta sotto il bancone di un supermercato e sopra vi erano bottiglie e altre cose e poi si è messa a correre verso la porta di uscita. Numerose persone si sono ritrovate insieme per strada perché allarmate per  ciò stava avvenendo. Un altro testimone ha raccontato che il tutto è stato incredibile: tutto è iniziato in modo lento, poi via via il terremoto è andato aumentando e così, preso dallo spavento, ha racimolato tutto quello che gli serviva ed è scappato dall’edificio.

Del resto la Nuova Zelanda non  è nuova a questi eventi sismici.  Lo stato insulare dell’Oceania è situato sul cosiddetto “Anello di Fuoco” e, nel corso dell’anno, è soggetta a numerosi terremoti e di questi circa una ventina supera la magnitudo 5. Nel 2011 si è verificato un sisma cha ha causato la morte di 185 persone, nella seconda città del Paese, a Christchurch.

Luca Zingaretti pronto per una nuova fiction: da super poliziotto a ‘giudice meschino’

Venezia

Venezia: pittore iraniano arrestato i colleghi si rivoltano contro i vigili (Video)