in ,

Terremoto oggi 30 ottobre 2016, Trenitalia: ecco le linee sospese

Dopo la forte scossa di terremoto di oggi, 30 ottobre 2016, in Centro Italia, che si è,però, sentita indistintamente da Nord a Sud, dalle 7.40 di questa mattina, secondo quanto annunciato da Trenitalia, la circolazione ferroviaria su alcune linee dell’Umbria e delle Marche è stata sospesa per le dovute verifiche alle infrastrutture da parte dei tecnici di RFI. Le linee interessate sono state: la Linea Foligno – Terontola, la Linea Orte – Falconara, la Linea Ascoli – Porto d’Ascoli, la Linea Terni – Sulmona, la Linea Pescara – Sulmona e la Linea Albacina – Civitanova Marche.

>> Leggi qui lista terremoti 

Alle 9:30, mentre erano ancora in corso le dovute verifiche, per la linea Albaciana – Civitanova Marche e la line Ascoli – Porto d’Ascoli sono stati attivati servizi sostitutivi. Mezz’ora più tardi, circa, dopo il nulla osta dei tecnici di RFI, invece, è ripresa la circolazione sulle linea Pescara – Slumone e sulla tratta Orte – Fossato di Vico  – Gubbio anche se la tratta Fossato – Falconara era ancora chiusa per controlli. Alle 10:50 circa, invece, così come annunciato dal sito di Trenitalia, è ripreso il traffico sulla linea Foligno – Terontol.

>> Leggi qui tutte le news e gli aggiornamenti sul terremoto in Centro Italia

Il consiglio da parte della Protezione Civile e dei sindaci e vice-sindaci delle zone interessate dagli eventi sismici è quello di non muoversi. La popolazione è pregata cioè di non intralciare i soccorsi e di non mettersi in moto per andare a vedere lo stato delle proprie seconde casa nelle zone terremotate. L’appello a non muoversi, nelle zone interessate dal terremoto, è anche nei confronti di chi, visto la vicina ricorrenza del 2 Novembre, si stava recando nei vari cimiteri per un saluto ai propri cari defunti.

TERREMOTO CENTRO ITALIA

Terremoto Centro Italia oggi ultime notizie, la situazione in Umbria e Marche

Riforma pensioni Cesare Damiano, Esodati e opzione donna

Pensioni 2016 news oggi: Opzione Donna e ottava salvaguardia, per Cesare Damiano ci sono i fondi