in

Terremoto oggi Piacenza, scossa magnitudo 3.2 a Ferriere

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 è stata avvertita intorno alla mezzanotte di oggi in provincia di Piacenza. Secondo le rilevazioni dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia l’epicentro è stato nei pressi di Ferriere, località dell’Appennino emiliano non distante dal confine regionale con la Liguria.

I dettagli della scossa

La scossa di terremoto di oggi in provincia di Piacenza è stata avvertita alle 00:04 ora italiana. Secondo i sismografi della sala sismica INGV di Roma, l’epicentro è stato nelle coordinate geografiche 44.64, 9.53, un luogo isolato nel comune di Ferriere, nell’alto Piacentino. La profondità della scossa, ipocentro, è stata di 9 km. Il sisma è stato avvertito dalla popolazione della zona: molte persone si sono svegliate bruscamente nel cuore della notte, ma non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose considerata la lieve entità della scossa.

I comuni interessati dalla scossa di terremoto

Oltre a Ferriere, sono risultati entro i 20 km dalla scossa i seguenti comuni: Farini (PC), Santo Stefano d’Aveto (GE), Corte Brugnatella, Coli, Cerignale, Ottone, Bettola (PC), Bardi (PR), Morfasso (PC), Rezzoaglio (GE), Bobbio (PC), Bedonia, Zerba (PC), Gorreto (GE), Tornolo e Compiano (PR). Si tratta di una zona storicamente interessata da eventi sismici, il più importante dei quali risale al 1834 (magnitudo oltre 6.5) con epicentro nella vicina Garfagnana.

Tutte le notizie sui terremoti in Italia

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Previsioni meteo martedì 27 novembre 2018

caso yara news

Caso Yara, Bossetti ergastolo: l’annuncio agguerrito del suo avvocato Claudio Salvagni