in ,

Terrorismo, iracheno arrestato a Bari: una kebabberia il suo quartier generale

Emergono nuovi particolari su Majid Muhamad, il 45enne iracheno residente a Bari arrestato nella città pugliese lo scorso 7 dicembre con l’accusa di avere favorito l’ingresso in Italia di presunti terroristi jihadisti attraverso il ricorso a falsi documenti di identità.

Gli investigatori avrebbero infatti ricostruito i suoi movimenti e raggio d’azione: sembra che si sia arrivati alla sua identificazione nell’ambito di una indagine della Procura Antimafia di Bari per terrorismo internazionale ben più ampia, che avrebbe portato alla iscrizione di 10 persone nel registro degli indagati, tutte sospettate di fornire supporto logistico a ‘foreign fighter’.

Il quartier generale di Majid Muhamad era piazza Umberto a Bari, questo sarebbe emerso dalle indagini. Collegato in passato con la cellula jihadista Ansar Al Islam, Muhamad dopo avere scontato 10 anni di carcere per terrorismo internazionale, era in libertà dal gennaio scorso e la sua permanenza nel nostro Paese, legale. Il 45enne iracheno aveva vinto un ricorso presentato al Tribunale di Cosenza contro un provvedimento di espulsione, e dopo il trasferimento nel Cie di Bari aveva deciso di restare nel capoluogo pugliese.

Qui aveva presto intrapreso i suoi traffici illeciti, come rivelato dalla Digos che nei giorni scorsi lo ha tratto in arresto: pare che come punto di incontro con cittadini extracomunitari di varie etnie (marocchini, tunisini, georgiani), in Italia illegalmente grazie a lui, che lo riconoscevano come leader e lo apostrofavano come “Il mullah”, avesse scelto la kebabberia di via Davanzati a Bari, poco distante da piazza Umberto, di cui poi era diventato, oltre che assiduo frequentatore, proprietario.

cicciolata sagra Campagnola Emilia 2015

Cicciolo d’Oro 2015: a Campagnola Emilia la sagra con lo Street Food del Norcino

rugbiste oxford, calendario rugbiste oxford, calendario 2016 senza veli,

Rugbiste Oxford: un calendario senza veli per combattere i disturbi alimentari