in ,

Terrorismo in Italia, espulso tunisino: le ultimissime

Allarme terrorismo in Italia. Nella giornata di oggi, domenica 12 marzo 2017, è stato espulso un tunisino di 37 anni, residente a Latina, che era stato segnalato tra i contatti di Anis Amri. Il provvedimento del ministro dell’Interno Marco Minniti è stato eseguito da Fiumicino, dove l’uomo è stato imbarcato su un volo per Tunisino. Con questa espulsione, la ventunesima dall’inizio dell’anno, sale a 153 il numero dei soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento alla frontiera dal gennaio 2015 ad oggi.

—> TUTTO SUL MONDO DELLA CRONACA

Il 37enne tunisino aveva aderito alla compagine “radicale” che fa capo alla moschea di Latina opposta all’imam Arafa Rekhia Nesserelbaz, di orientamento moderato. Le indagini hanno permesso di accertare che l’uomo era intestatario di un’utenza che era tra i contatti di Anis Amri quando quest’ultimo, nel giugno 2015, era stato ospitato nell’abitazione di Yaakoubi Montasser e della sua compagna, ad Aprilia, non lontano da Latina.

L’utenza è risultata, inoltre, associata a un profilo Facebook sul quale sono stati riscontrati elementi che denotano adesione all’ideologia jhadista, nonché appartenenza a un circuito relazionale virtuale composto da soggetti riconducibili allo Stato Islamico.

Chelsea – Manchester United probabili formazioni e ultime news, FA Cup

The Vampire Diaries 8 finale: la storia continua con The Originals? L’incontro tra Klaus e Caroline