in ,

Terrorismo Paesi a rischio: Farnesina, i luoghi da evitare dopo il tragico venerdì di terrore

Il gesto migliore per avvicinarvi a Dio è la Jihad quindi sbrigatevi a farlo durante questo mese e siate pronti al martirio” queste è il messaggio dell’Isis divulgato, su internet di alcuni giorni fa, dal suo portavoce Abu Mohammed al-Adnani. Parole che fanno pensare che gli attentati del tragico venerdì di terrore non siano finiti e che altri potrebbero essere gli obiettivi oggetto di altri attacchi dell’Isis e di fazioni islamiche alleate.

Tra i Paesi sconsigliati, dalla Farnesina, per i prossimi viaggi troviamo tutta l’aerea del Maghreb, una zona ad alto rischio soprattutto in città come Fez, Casablanca, Salè, Rabat e Marrakech dove la presenza di turisti è solitamente molto elevata. La Tunisia è sicuramente un’altra meta da evitare dopo la strage di del Bardo e l’attentato di Sousse, il livello di allerta terrissimo è stato innalzato. L’Egitto è un altro luogo sconsigliato, il Cairo e anche i soggiorni in resort situati a Sharm el-Sheik e in altre aree turistiche del Mediterraneo. sono da evitare, soprattutto nei periodi in cui l’afflusso turistico potrebbe essere maggiore.

La Thailandia e il Kenya sono altre due mete non sicure, quest’ultima per la presenza degli “al Shabaab”, un’organizzazione affiliata ad Al Qaeda che ha messo in atto diverse azioni terroristiche rivolte a luoghi molto frequentati da stranieri. Consigli importanti da tenere a mente visto il messaggio divulgato dall’Isis e gli attentati del venerdì di terrore.

“Precisazione del 08.07.2015”

Per correttezza di informazione abbiamo ricevuto delle giuste informazioni da parte del Direttore Generale di Astoi Confindustria Viaggi, Flavia Franceschini, quindi specifichiamo che l’area del Maghreb non è sconsigliata dalla Farnesina, neanche le città di Fez, Casablanca, Salè, Rabat e Marrakech e neanche la Tunisia. La Farnesina non sconsiglia neanche i soggiorni nei resort situati a Sharm el-Sheik e in altre aree turistiche del Mediterraneo, anzi ha escluso tali località dallo sconsiglio sull’Egitto. Anche la Thailandia nel suo complesso non può essere considerata un Paese non sicuro.

Tunisia attentato spiaggia Sousse

Tunisia, attentato spiaggia Sousse: la storia dell’eroe che ha protetto la sua fidanzata

marchetti consigli fantacalcio 38a giornata

Ultime notizie Lazio calcio: pronto il rinnovo per Marchetti