in , ,

Test medicina: irregolarità a Tor Vergata

Le proteste e le denunce per le irregolarità riscontrate nel test di Medicina, svolto lo scorso 8 aprile, continuano in ogni parte d’Italia. Questa volta a segnalare le illegalità è l’Udu (Unione degli Universitari), che ha presentato un esposto negli uffici del piazzale Clodio.

irregolarità test medicina

Nella facoltà di Medicina, all’università Tor Vergata di Roma, gli studenti hanno tenuto i cellulari accesi, non si sono disposti rispettando la normativa ministeriale e come spiega Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell’Udu: «è stato consentito che i candidati si potessero sedere liberamente senza posti assegnati, nonostante sia irregolare». La normativa infatti prevede che i concorrenti siano distribuiti in ordine anagrafico e che siano opportunamente distanziati. Inoltre il 40% degli studenti ammessi ha perfino avuto gli stessi punteggi in ogni materia e proviene della provincia di Trapani. Sarà un caso?

Per Scuccimarra non lo è. Egli infatti sostiene: “su 210 posti banditi almeno 79 persone della provincia trapanese hanno un punteggio utile per l’immatricolazione. Si tratta di una circostanza che dal punto di vista statistico è quasi impossibile.” Scuccimarra chiede alla Procura di Roma, che sta analizzando attualmente la vicenda, di «verificare se i vincitori con punteggi stellari provengano effettivamente da un corso che, a quanto pare, nonostante si tenga dall’altra parte della penisola, indirizza gran parte dei suoi studenti a Tor Vergata». Sarà forse il caso di annullare il test e consentire a tutti gli aspiranti medici di entrare? Il ministro dell’istruzione Stefania Giannini dovrà presentare la proposta di legge entro la fine di luglio.

regista

Ridley Scott girerà un altro film biblico su re Davide

legge elettorale italicum

Camera: i deputati arrestati continueranno a mantenere l’indennità