in ,

Texas, condannato a morte 38enne: uccise ragazzo e ne bevve il sangue

Giustiziato in Texas Pablo Vasquez, 38enne di origini spagnole in carcere e condannato a morte per avere massacrato e ucciso un 12enne nel 1998, dopo gli eccessi di un festino a base di alcol e droga a Donna (Texas meridionale), arrivando addirittura a berne il sangue mentre era ancora in vita. “Il diavolo mi diceva di farlo”, avrebbe dichiarato il condannato subito dopo il delitto.

Vasquez è stato dichiarato ufficialmente morto ieri 6 aprile alle 18.35 ora locale, ucciso da una iniezione letale nel carcere di Huntsville. “Mi dispiace per la famiglia di David. Questo è l’unico modo per perdonarmi. Ecco la vostra giustizia”, avrebbe sussurrato poco prima di essere giustiziato per volere dei giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti.

Rigettato, poche ore prima della condanna a morte, l’estremo appello dei suoi legali, in cui si sosteneva che Vasquez non avrebbe ricevuto un “giusto processo” in quanto nel 1999 il Tribunale che lo condannò aveva “deliberatamente rifiutato candidati della giuria che avevano manifestato posizioni contro la pena di morte”.

Higuain Arbitro Irrati Napoli

Serie A, squalifica a Higuain: svelato il referto dell’arbitro, le parole dell’attaccante

consigli scommesse Europa League

Borussia Dortmund – Liverpool: ultime news e probabili formazioni Europa League