in

Thailandia, dita del piede amputate ad una giovane: voleva provare la fish pedicure

Un viaggio in Thailandia è il sogno di ogni giovane. Per Victoria Curthoys, oggi 29enne, originaria di Perth, in Australia, il soggiorno nel sud-est asiatico si è trasformato in un incubo. Una fish pedicure le è, infatti, costata cara. Durante la vacanza la ragazza ha voluto provare quel trattamento di bellezza, di cui tanto le avevano parlato le sua amiche: purtroppo per lei si è ritrovata senza le cinque dita dei piedi. 

Durante la fish pedicure, un trattamento estetico che consiste nell’immergere i piedi in una vasca con dei pesciolini che mangiucchiano le pellicine morte, così da rendere i piedi più lisci e morbidi, Victoria si è vista “attaccata” da un batterio mangiacarne. «Quando ero in Thailandia ho deciso di utilizzare una fish spa e non mi sono posta particolari problemi perché mentre la proprietaria preparava la postazione, l’acqua mi sembrava pulita. Come mi sbagliavo…», ha raccontato la ragazza al Daily Mail.

Victoria, all’età di 17 anni, aveva già subito la parziale amputazione di un dito: un taglietto le aveva provocato un’infezione alle ossa. Molto probabilmente, nel 2010, il famoso viaggio in Thailandia deve aver riaperto una ferita mai chiusa. A quel tempo Victoria aveva 21 anni: rientrata a casa, a Perth, la ragazza ha iniziato a stare male con febbre alta e forte nausea. Ci sono voluti due anni prima che i medici diagnosticassero l’infezione legata al batterio, rigeneratasi nel moncone del dito che le era stato già amputato quando ne aveva 17. Purtroppo nulla ormai restava da fare: alla giovane sono state tagliate tutte le dita, eccetto il mignolo, sul quale, camminando, scaricava tutto il peso del corpo. Per questo motivo nel 2016 la ragazza si è vista costretta a subire una nuova dolorosa amputazione. Senza più le dita del piede destro, per anni Victoria ha provato vergogna a camminare scalza al mare o in piscina. Oggi però si dice pronta a parlarle per evitare che ad altri accada la sua esperienza. Bisogna affidarsi a dei professionisti, non a dei ciarlatani. La ragazza è riuscita a superare i suoi complessi, tant’è che ha aperto un profilo Instagram in cui non nasconde più il moncone. La pagina si chiama ‘terrifically_toeless’ ed è bello vedere il modo ironico con cui Victoria ha imparato a convivere con la sua nuova caratteristica.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Scomparsa Jessica Lattuca, le parole sinistre dell’ex convivente: un tragico presentimento?

donna scomparsa a cornuda

Cornuda Sofiya Melnyk news: il convivente potrebbe non essersi suicidato