in ,

Thailandia, orrore in diretta Facebook: impicca la figlia di 11 mesi

Una diretta Facebook da orrore quella realizzata da un uomo a Pukhet, in Tahilandia, in cui riprende, attimo dopo attimo, l’assassinio della figlia di 11 mesi. Una fine terribile per la piccolina, morta impiccata per mano del proprio genitore. E quest’ultimo, poco dopo, sempre in diretta Facebook, si è tolto la vita, suicidandosi. 

Tutte le notizie con UrbanPost

Due i video postati su Facebook in cui si vede l’uomo legare una corda al collo della figlia e poi gettarla dal tetto di un edificio di Phuket. Il suicidio dell’uomo è avvenuto dopo e non è stato mostrato sul social network, ma il corpo è stato trovato vicino a quello della figlia. “Era paranoico – ha affermato il portavoce della polizia – temeva che la moglie lo lasciasse e non lo amasse”. Intanto, montano le polemiche da Singapore dove un portavoce di Facebook ha parlato di “Incidente terribile, non c’è posto sul nostro social network per contenuti del genere.”

Il video su Facebook, però, è rimasto online per un giorno. E ha fatto registrare accessi da “capogiro”: l’omicidio della piccola bambina è stato visto da 128.000 persone (primo video) e 250.000 (il secondo). Si tratta di un nuovo episodio di violenza documentato su Facebook: solo qualche giorno fa in diretta si era consumato un tragico evento a Cleveland. 

Uomini e Donne Giorgio conforta Gemma

Uomini e Donne Over, Giorgio contro Gemma: “Aveva sceneggiato il nostro amore”

premio marzotto 2017

Premio Marzotto 2017, aperto il bando per startup e PMI innovative: requisiti e scadenze per candidarsi