in

Thailandia, tempesta tropicale in arrivo: “Pabuk” è la più devastante degli ultimi decenni

Si chiama Pabuk ed è atteso in Thailandia per oggi, venerdì 4 gennaio 2019, il ciclone più violento di sempre. Secondo gli esperti potrebbe essere la tempesta tropicale peggiore dal 1989, quando Typhoon Gay causò oltre 400 vittime. La parte interessata dall’arrivo della tempesta è la regione nel sud-est dell’isola, una zona ricca di strutture turistiche. Per garantire la sicurezza di residenti e ospiti, il Paese ha messo a punto il maggior numero di protocolli possibile, dalla sospensione dei servizi di trasporto marittimo all’evacuazione di intere province. Anche gli aeroporti di Koh Samui e di Nakhon Si Thammarat sono stati chiusi in attesa del passaggio della perturbazione, e migliaia di viaggiatori sono rimasti bloccati sulle isole. “Diecimila turisti – ha spiegato il capo del distretto dell’isola, Krikkrai Songthanee,– sono rimasti a Koh Phangan. Ho parlato con alcuni di loro ieri sera. Non hanno paura, capiscono la situazione”.

Pabuk, massima allerta per il temibile ciclone

Il direttore generale del Dipartimento meteorologico della Thailandia, Phuwieng Prakhammintara, ha allertato la regione, avvisando che la tempesta potrebbe causare onde alte da 3 a 5 metri o addirittura 7. Tutte le scuole nelle aree costiere sono state chiuse e l’esercito è stato mobilitato. Nella provincia meridionale di Nakhon Si Thammarat circa 7 mila persone sono state evacuate, ma la cifra potrebbe aumentare sensibilmente, tra 30 mila e 80 mila solo in questa provincia, secondo le stime riportate da Udomporn Kan, segretario del Dipartimento de Prevenzione e Disastri. Un portavoce del governo thailandese ha riferito che le evacuazioni riguardano almeno 16 province sottolineando il periodo di alta stagione per il turismo: “Ci sono molti turisti stranieri in destinazioni popolari, li abbiamo informati in anticipo due giorni fa, direi che la maggior parte ha lasciato le isole e si è spostata sulla terraferma”.

Thailandia, le zone interessate da Pabuk

Le forti piogge che hanno preceduto Pabuk, annunciano il suo arrivo sull’arcipelago di Chumphon, al confine orientale delle province di Surat Thani e Nakhon Si Thammarat. Come già anticipato, la tempesta potrebbe colpire anche importanti mete turistiche come Koh Samui, Koh Phangan e Koh Tao, e le isole del Mar delle Andamane come Phuket e Koh Phi Phi. A Koh Samui e Koh Phangan residenti e turisti stanno facendo scorta di cibo e benzina in vista della sospensione dei traghetti che collegano le isole alla terraferma.

Leggi anche —> Thailandia, dita del piede amputate ad una giovane: voleva provare la fish pedicure

Nicolò Ferrari rivela: «Lascerò l’Italia per una grande avventura!»

Mimma scomparsa nel Barese: sparita nel nulla da tre giorni