in ,

The Good Doctor 2: anticipazioni episodi 1 e 2 in onda stasera su Rai2

The Good Doctor, la fortunata serie televisiva ideata da David Shore che ha per protagonista l’incredibile dottor Shaun Murphy, un giovane specializzando in chirurgia affetto da autismo e Sindrome del Savant, torna con la seconda stagione in onda da questa sera, 25 gennaio 2019, su Rai2. Gli episodi della prima stagione sono stati ospitati da Rai1, ora invece l’appuntamento è su Rai2; un piccolo trasloco, quindi, ma nulla di grave, non perderemo di vista il Dottor Murphy al quale ormai siamo tutti affezionati e che resterà con noi per altri 18 episodi. 

the good doctor 2 anticipazioni

The Good Doctor 2, anticipazioni seconda stagione

La serie televisiva The Good Doctor è tutta americana. Gli episodi della seconda stagione sono infatti già andati in onda sul canale Americano ABC dal 24 settembre 2018. La trama e le anticipazioni succulente quindi sono già disponibili ma cercheremo di non creare un effetto spoiler eccessivo, altrimenti la visione perde tutto il bello della “diretta”. Vediamo cosa accade negli episodi che andranno in onda questa sera su Rai2. Cambia canale ma non protagonista, The Good Doctor 2 vedrà vagare tra i corridoi del San Jose St. Bonaventure Hospital sempre lui, Freddie Highmore, nei panni di Shaun Murphy dopo una prima stagione travolgente dal punto di vista emozionale. Negli episodi precedenti abbiamo visto il giovane medico in carriera approdare al St. Bonaventure dopo un percorso di crescita personale e famigliare molto travagliato. La perdita del fratellino, il distacco dai genitori, l’affidamento al Dr. Aaron Glassman, al quale però Shaun è particolarmente legato, portano il Dottor Murphy a sviluppare una tenacia particolare per la vita che gli servirà anche in questa stagione per affrontare le dinamiche ospedaliere tra pazienti e colleghi.

The good doctor 2 anticipazioni

I primi due episodi di The Good Doctor 2, in onda questa sera su Rai2, danno inizio alla seconda stagione con l’adrenalina giusta. Shaun verrà punito da Andrews per un errore commesso nel corso di un intervento in sala operatoria; l’errore rischia di costare il licenziamento di Shaun che però viene “risparmiato”: la ragione non la sveliamo, ma vi piacerà. Nonostante Shaun riesca a sfuggire al licenziamento, viene comunque mandato, insieme a Jared, al suo ultimo giorno, a curare i senzatetto per strada. Qui i due medici fanno un incontro particolare con un senzatetto affetto da schizofrenia che tenterà di sottrarre dei medicinali ai dottori. La vicenda prosegue in un perfetto parallelismo tra la scelta del medico chirurgo che dovrà operare il Dr. Glassman, affetto da un tumore al cervello e la storia del senzatetto. Mentre Shaun e Jared fanno una scoperta particolare che riguarda la vita del loro paziente gli altri specializzandi dovranno occuparsi del caso di una donna affetta da un problema cardiaco: servirebbe un trapianto ma la procedura viene sospesa in attesa di una importante conferma, anche questa lasciamo che siate voi a scoprirla. Arriva alla fine il momento per Jared di lasciare l’ospedale e il medico sarà costretto a dire addio a Claire.

the good doctor anticipazioni

La prima puntata della prima stagione di The Good Doctor tenne incollati al televisore ben cinque milioni di telespettatori, numeri che calarono leggermente nelle puntate successive ma senza drastici cali. Il merito? Quasi sicuramente della trama avvincente e del grande messaggio di resilienza che trasmette la serie. Shaun è decisamente una mente prodigiosa che ci ricorda quanto di più distante da noi possa esserci: intuizione innata e forza della diversità. La commozione è quasi assicurata e la seconda stagione, con l’ingresso di qualche personaggio che conosciamo già dalle disavventure di Dottor House, regalerà certamente grandi emozioni.

“The Good Doctor” seconda stagione su Raidue: quando va in onda, tutte le anticipazioni

Nuovo stadio Bologna Calcio, ecco il progetto della prossima casa dei rossoblu

“L’Isola dei famosi”, Jo Squillo svela il motivo della sua assenza: «Una grave perdita per me!»