in ,

The Look of Silence” Venezia 2014

Prima c’è stato il crudo e originale documentario “The Act of Killing” (L’atto di uccidere) del 1965 sull’epurazione e genocidio avvenuto in Indonesia, poi il seguito negli stessi luoghi. Adesso è la volta di “The Look of Silence” di Joshua Oppenheimer che affronta il tema da un’altra prospettiva ma con altrettanta inquietudine. La Biennale promo

Questa volta “The Look of Silence” offre una visione della tragedia partendo dal punto di vista delle vittime e seguendo, nello specifico, la storia di un sopravvissuto, che non ha mai conosciuto il fratello maggiore perché morto molto prima che lui nascesse, torturato da un gruppo di ribelli, durante la rivoluzione. Il documentario prenderà in esame la famiglia dell’uomo ucciso e della decisione da parte del fratello d’incontrare gli uomini che glielo hanno massacrato. In “The Act of Killing” invece il punto di vista era quello degli assassini.

La rançon de la gloire

“La rançon de la gloire” Venezia 2014

winx

Mostra del cinema di Venezia 2014: le Winx, un incantesimo di colori e magia