in ,

The Originals: i veri vampiri originali di New Orleans, lo studio

Bere sangue umano per curare particolari disturbi: questo il principio che spiega le azioni della comunità di New Orleans che vive nell’antico quartiere francese della città. John Edgar Browing è il ricercatore della Lousiana State University che ha studiato i comportamenti della comunità di New Orleans e ha spiegato in cosa consista la particolare dieta a base di sangue umano. A rendere più curiosa la storia, è il fatto che i cosiddetti “vampiri” vivano nello stesso quartiere in cui agiscono i protagonisti di The Originals. La serie tv racconta le vicende della famiglia Mikaelson, i primi vampiri della storia.

Il ricercatore approfondisce il tema del vampirismo dal 2009. Browing ha dichiarato che i soggetti sui quali è stato condotto lo studio non hanno problemi psichici e non sono affatto persone fissate con le serie tv sui vampiri o i romanzi gotici. Lo studio, infatti, ha dimostrato che la maggior parte delle persone che costituiscono la comunità di New Orleans ha una famiglia, un lavoro, amici. Semplicemente, accusano problemi fisici, dal mal di testa al mal di stomaco, che riescono a curare bevendo sangue umano. La pratica consiste nel disinfettare una zona del proprio corpo, per poi incidere con bisturi usa e getta e permettere ad un’altra persona di succhiare il sangue. La ferita, infine, viene ripulita e chiusa.

“Ci sono migliaia di persone che si nutrono di sangue umano negli Stati Uniti, non credo che sia solo una semplice moda”, ha raccontato Browing ai microfoni della BBC.  Sono 50 le persone che formano la comunità di “vampiri” di New Orleans, ma le ricerche condotte dall’Atlanta Vampire Alliance confermano che sono una piccola percentuale delle 5000 persone che, solo nel continente americano, si identificano come veri e propri vampiri.

Image credit: Shutterstock

Italia Convocati Sei Nazioni

Rugby Sei Nazioni Irlanda – Italia 58-15 risultato finale: azzurri che restano a secco

blu street art

Blu, Street Artist: cancella le sue opere a Bologna