in ,

The Vampire Diaries e Pretty Little Liars: i 10 orrori tragicomici nella sceneggiatura

Abbiamo tutti inventato una scusa per giustificare i nostri cinque minuti di ritardo che non sono mai stati davvero cinque. Siamo soliti dire che non abbiamo risposto al telefono a causa del silenzioso, perché dire ad una persona che ci sale il nazismo quando leggiamo il suo nome sul display non è elegante. Abbiamo detto alla fidanzata o al fidanzato che non saremmo andati in discoteca senza di lui, ma così non è stato. Eppure, siamo solo dei principianti in confronto a quello che Julie Plec e Marlene King si sono inventate per portare avanti The Vampire Diaries e Pretty Little Liars. Riguardando le due serie tv, ho almeno 10 prove che il loro sport preferito è il mirror climbing:

1) Le scene che ritraggono il famigerato A fino a Pretty Little Liars 6 sono la prova che il cattivo della serie tv fosse un bad boy: quelle spalle non mentono. Insomma, A ha sempre avuto il manganello e per far coincidere la cosa con la vera identità di A, che è una donna, Marlene King ha lanciato il tema del transgender.

2) Bethany Young ha spinto giù dal tetto del Radley la mamma di Toby, mentre litigava con CeCe e non era ancora una adolescente che al mercato mio padre comprò. Il primo episodio di Pretty Little Liars 4 dimostra che quando Bethany ha ucciso la madre di Toby, lui ed Alison erano teenager, ma loro sono comunque più giovani di CeCe e allora perché CeCe era più piccola di loro in quella dannata scena no sense?

3) Da Pretty Little Liars abbiamo imparato che un paziente sufficientemente pazzo può anche essere famigliare di se stesso: ebbene sì, Marlene King non solo ha rinchiuso A al Radley, ma ha pure permesso a lui/lei di avere un pass da ospite per far visita a se stesso. Non è geniale? No.

4) Oltre ad essere parente di se stessa, CeCe Drake, che è anche Charles, che è anche A, è uscita con suo fratello, il sangue del suo sangue e dio solo sa che hanno combinato. Pretty Little Liars fa acqua da tutte le parti. Se la serie tv di Marlene King fosse un oggetto sarebbe uno scolapasta.

5) Marlene King ha trovato una risposta per tutto, o quasi: ma Cece ha o no il manganello?

Come Marlene King, anche Julie Plec ha prodotto delle scene che ci hanno fatto pensare “No Maria, io esco”.

6) I vampiri corrono, nuotano, camminano, mangiano, si arrampicano e fanno tutto alla velocità della luce. Eppure, quando la cacciatrice di vampiri è alle calcagna e li minaccia di morte, loro usano una macchina da comuni mortali per scappare e si fermano pure a fare benzina.

7) Eh sì, però hanno la pomata magica che se la metti sulla cicatrice che ti ha fatto la cacciatrice, lei non ti può trovare. Grazie Julie.

8) Quando si diventa vampiri, i sentimenti sono amplificati: è per questo che Caroline ha ragionato come una ragazzina? Dopo aver sbavato dietro a Stefan sia da umana che da vampira, quando lui le dice che vuole star con lei, Caroline risponde che vuole stare da sola. Ma che problemi hai?

9) Caroline partorisce le bambine succhia magia di Alaric, si affeziona e tenta di andare oltre a quanto accaduto tra lei e Stefan. Il vampiro ritorna e Caroline, che è una donna tutta di un pezzo, lascia Alaric per Stefan, giustamente.

10) L’atteso crossover tra The Originals 3 e The Vampire Diaries 7 è finalmente arrivato: puoi tu, Julie Plec, affidare all’inutile Matt Donovan la scena principale?

caso yara bossetti processo appello news

Caso Yara, furia Bossetti in aula, il muratore interrompe avvocato: “Non è vero niente”

accoltellare

Varese: tragedia durante la luna di miele, marito lancia la moglie dalla finestra dell’hotel