in

Tirocini retribuiti al Parlamento Europeo: ecco come accedere

Studenti, neo laureati e giovanissimi hanno tempo fino al 15 ottobre per presentare la propria candidatura ai numerosi tirocini proposti dall’Unione Europea. Il Parlamento europeo dà la possibilità di svolgere percorsi di formazione-lavoro, della durata di cinque mesi, per diverse figure e professioni. I candidati devono essere maggiorenni e conoscere almeno due delle lingue ufficiali dell’Unione Europea.

Giovani presso il Parlamento europeo

 

 

I tirocini d’indirizzo politico-istituzionale, intitolati a Robert Schuman, hanno due diverse opzioni: la prima è di carattere generale e prevede la stesura di un elaborato sui temi legati alle relazioni fra Unione Europea e Stati Uniti. La seconda, invece, è di carattere giornalistico. In questo caso i candidati devono inoltre avere una competenza professionale comprovata da pubblicazioni, o dall’iscrizione all’ordine dei giornalisti di uno Stato membro dell’Unione europea, o da una formazione giornalistica riconosciuta negli Stati membri dell’Unione europea o negli Stati candidati all’adesione.

Sono inoltre previsti tirocini per traduttori e interpreti. La durata in questo caso è di tre mesi, con possibilità di eccezionale proroga di ulteriori tre. Il Parlamento europeo offre stage anche per persone con disabilità, al fine di agevolarne l’integrazione sul posto di lavoro. Le candidature possono essere presentate solo via internet sul sito del Parlamento Europeo entro e non oltre il 15 ottobre. Sarà compito dell’ufficio tirocini esaminare la ricevibilità delle candidature e trasmettere alle diverse direzioni generali le singole candidature accettate.

Ulteriori informazioni su www.europarl.europa.eu

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Commissario Montalbano, la sua fidanzata è la chiave per risolvere il nuovo caso

federica sciarelli

Chi l’ha visto? anticipazioni: gemelline Schepp, Melania Rea e Roberta Ragusa