in

Tomba di Tutankhamon: 93 anni dopo il mistero continua

Anni e anni di attesa, ingenti investimenti e duro lavoro, tutto per la più grande scoperta archeologica del XX secolo. Il progetto dell’archeologo Howard Carter era quello di scavare nella Valle dei Re alla ricerca delle tombe dei due faraoni della XVIII dinastia, Akhenaton e il figlio Tutankhamon. Il ritrovamento della tomba del faraone bambino, praticamente intatta dopo tremila anni, segnò la sua inevitabile fortuna.

Sostenuto economicamente da George Herbert conte di Carnarvon, Carter impegno cinque anni della sua vita negli scavi dell’intera Valle dei Re, accuratamente suddivisa in settori da esplorare. Nel 1922, però, l’operazione stava per essere conclusa a causa degli scarsi risultati ottenuti. Fu proprio la caparbietà dell’archeologo britannico a portarlo a scoprire una scala che giungeva a una porta con ancora intatti i sigilli della necropoli. Il 26 novembre dello stesso anno, Howard Carter e Lord Carnarvon si trovarono dunque dinnanzi alla porta della tomba di Tutankhamon rimasta inviolata dal XIV secolo a.C.: grazie ad un foro, si poté appurare che il corredo funerario era intatto.

La morte di alcune persone, legate in una certa misura alla scoperta della sepoltura, ha contribuito alla nascita di una superstizione riguardante una protezione magica della tomba. Pare infatti che all’ingresso di molte sepolture egizie, fossero presenti delle minacce di maledizioni che avevano lo scopo di proteggere i luoghi in cui riposavano i faraoni. 

PHOTO CREDITS: Jaroslav Moravcik / Shutterstock.com

Uomini e Donne trono over anticipazioni Giorgio e Gemma

Anticipazioni Uomini e Donne trono over: Gemma ringrazia Giorgio

come essere belle, come essere fighissima, come essere single e belle, come riprendersi dalla fine di una storia,

Single e belle: i trucchi per tornare in forma dopo la fine di una storia