in

Toni Servillo rimprovera a teatro una spettatrice: ecco cosa è accaduto

È successo ancora una volta, a quanto pare Toni Servillo non può proprio fare a meno di «riprendere» gli spettatori disattenti. Del resto a chi piacerebbe lavorare in mezzo alla confusione? Ad ogni modo il gesto dell’attore de La Grande Bellezza ha diviso l’opinione pubblica e siamo sicuri che farà parecchio discutere.

Toni Servillo e il rimprovero al teatro Bellini ad una spettatrice

Al Teatro Bellini di Napoli Toni Servillo era in scena, stava recitando sul palcoscenico una replica di Elvira, quando all’improvviso ha interrotto la sua performance, infastidito da una signora del pubblico parecchio annoiata. Dopo l’intervento dell’attore, la spettatrice ha preso ed è andata via. La sua reazione inaspettata è avvenuta tra gli applausi scroscianti del pubblico. L’episodio, successo lo scorso 18 gennaio, è stato riportato dal quotidiano “La Repubblica”: «Lo spettacolo volgeva al termine e per tutto il tempo la signora, seduta in prima fila, si era lasciata andare a plateali segnali di insofferenza: si rivolgeva ai vicini, gesticolava, faceva capire chiaramente di annoiarsi a morte. Il pubblico non la vedeva ma Servillo sì, ce l’aveva proprio di fronte, a pochi metri!». La spiacevole vicenda è stata raccontata dallo staff dell’attore partenopeo, che alla donna in questione avrebbe detto con tutta la calma possibile: «Signora, io non ho nulla contro di lei, ma se lo spettacolo non le piace non è obbligata a rimanere!». La spettatrice lo ha preso in parola ed è andata via.

Una diversa versione dei fatti

Una versione dei fatti diversa è stata da Antonio Riscetti, giornalista e speaker radiofonico, uno degli spettatori presenti al Bellini: «Durante la messinscena, Tony Servillo, ha interrotto lo spettacolo, ha raggiunto il proscenio e si è rivolto molto malamente nei confronti di una spettatrice invitandola a lasciare il teatro… Il peccato della signora secondo l’attore è stato quello di non avere apprezzato fino a quel momento lo spettacolo, facendo, a detto dello stesso, smorfie di poco gradimento! (…) Tengo a precisare però che la signora non ha mai dato segni di insofferenza, né fatto rumori o suoni che potessero recare fastidio agli attori sul palco e/o agli altri spettatori. Il peccato della signora è stato quello di non concedere all’attorone sguardi languidi e di approvazione. Ecco sig. Servillo, io penso che l’unica persona a sbagliare tutto ieri sera sia stato proprio lei. Primo perché un attore che si reputa tale non interrompe lo spettacolo per riprendere uno spettatore che sta solo non gradendo lo spettacolo senza però dare mai fastidio se non alla sua eccessiva vanità; un attore continua a lavorare nel rispetto di tutti gli altri che sono li per lui, per lo spettacolo!».

Per Toni Servillo non è la prima volta

Come dicevamo Toni Servillo non è nuovo a queste «uscite». Nel 2017 sempre per Elvira, l’attore aveva rimproverato poco prima dello spettacolo un uomo seduto in prima fila impegnato al cellulare: «Potrebbe mettere via il telefono? Noi qui stiamo cercando di lavorare. Questo è il teatro, non la televisione!».

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

“La Compagnia del Cigno”, le anticipazioni della quarta puntata in onda stasera 21 gennaio su Raiuno

Norcia, ricostruzione post-terremoto: alle suore Benedettine un “container di clausura”