in ,

Torino: aghi-proiettile ‘sparati’ da auto in corsa, 5 feriti

Torino: aghi-proiettile sparati da un’auto in corsa in autostrada. Questa l’ultima follia mtropolitana che ha ferito 5 persone. La notizia è giunta in queste ore ma in realtà si riferirebbe a un episodio avvenuto la scorsa settimana in zona San Paolo, un’area semicentrale del capoluogo piemontese dove recentemente si lamentano casi di disagio sociale sempre più preoccupanti.

Testimoni riferiscono che numerosi passanti sarebbero stati colpiti da aghi lunghi circa 10 centimetri, sparati alla stregua di proiettili da un’auto che correva all’impazzata e transitava di proposito accanto ai pedoni, così da colpire quante più persone possibile. Le ‘armi’ usate per nuocere agli ignari malcapitati sarebbero aghi lunghi una decina di centimetri, molto simili a quelli impiegati negli ospedali per effettuare le iniezioni peridurali.

Potrebbe interessarti anche —> Bimba molestata a Milano, chi è l’uomo fermato dalla Polizia: il video dell’arresto

I pedoni sono stati tutti colpiti in zona San Paolo: l’auto impazzita è stata vista passare accanto ai marciapiedi, come se il conducente cercasse di avvicinarsi ai passanti per esser certo di poterli colpire. Le persone ferite fortunatamente non sono gravi feriti non sono gravi perché l’ago, generalmente, non può provocare lesioni preoccupanti. Certo, se le vittime fossero state colpite agli occhi le conseguenze sarebbero state ben più gravi.

Secondo le frammentarie informazioni reperite dai carabinieri, testimoni oculari avrebbero riferito loro che a bordo della vettura incriminata vi sarebbero state più persone, sebbene nessuno di loro sia riuscito a dare un’indicazione precisa e dettagli maggiori. I cinque feriti sono stati ricoverati a medicati. Ora i medici temono che l’anonimo autore della anomala aggressione abbia usato per colpire degli aghi infetti.

Avviate subito le analisi in laboratorio per appurarlo, si è appreso che i primi accertamenti avrebbero escluso tale eventualità. Dalla scorsa settimana l’auto non è stata più vista aggirarsi in zona, ma resta comunque molta paura tra i residenti, che temono possa verificarsi un nuovo ‘assalto’ con aghi-proiettile. Secondo una prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, gli aghi potrebbero essere stati lanciati con una pistola ad aria compressa o con una pistola sparachiodi a gas, modificata affinché espellesse con più forza gli aghi, e con una direzione precisa e mirata.

Pechino Express

Pechino Express anticipazioni quinta puntata 4 ottobre 2017:

Come ti ammazzo il bodyguard uscita, cast, trailer, sinossi: da domani al cinema