in ,

Torino, ex marito stalker tenta il suicidio: “Stanco di questa gogna mediatica”

Torino, l’ex marito stalker, Luigi Garofalo, ha tentato il suicidio. Come riferito dal suo legale, l’uomo avrebbe  usato la lametta di un rasoio da barba usa e getta per tagliarsi le vene nel carcere di Torino. Garofalo, 46 anni, è accusato di atti persecutori nei confronti della moglie, che nelle ore precedenti la convalida dell’arresto si era detta preoccupata per la sua vita qualora l’uomo fosse stato scarcerato.

La moglie di Luigi Garofalo: “Se esce ci ammazza tutti”

Luigi Garofalo, secondo quanto riferito dal legale, avrebbe tuonato: “Basta con questa gogna mediatica, non ce la faccio più”. Il suo avvocato, Fabrizio Bonfante, lo difende dalle pesanti accuse nei suoi confronti. “Non è il mostro che è stato descritto”. L’ex marito stalker, come è stato dipinto, evidentemente non ha retto il peso di quel matrimonio finito tra le violenze dopo 23 anni.

Le ultime notizie con UrbanPost

Luigi Garofalo è stato arrestato una prima volta lo scorso 8 marzo dopo che aveva puntato una pistola, forse una scacciacani, contro il figlio 19enne che, a suo dire, prendeva le parti della madre. E una seconda volta mercoledì scorso, dopo che, uscito dal carcere e messo ai domiciliari, si era recato al bar di famiglia nel quartiere torinese di Barriera di Milano.

Replica Di Padre in Figlia

Replica Di Padre in Figlia quarta e ultima puntata 2 maggio 2017: come vedere il video integrale

Raz Degan Film con Luca Argentero: l’appello per The Last Shaman