in ,

Torino, il Comune assolda i gatti randagi per sondare l’inquinamento cittadino

Sono circa 10 mila i gatti randagi che abitano nella città di Torino, di cui una larga maggioranza insediata stabilmente nella zona che circonda la Mole Antonelliana. L’amministrazione comunale ha pensato bene di avviare un censimento felino che dia una più precisa idea dell’entità di queste colonie di gatti, al fine di creare un database felino che riveli dove le bestiole siano solite abitare e quali siano le loro cause di morte, al fine di rilevare eventuali problematiche sul territorio e, soprattutto, il grado di inquinamento dello stesso.Gatti randagi a Torino

Contestualmente a tale iniziativa, il comune di Torino ne ha intrapresa un’altra: si tratta del progetto Gat.To, che prevede l’uso, in via del tutto sperimentale, di alcuni gatti quali “sentinelle” che, aggirandosi nei quartieri cittadini, fungano da ‘sonde’ sul territorio. Esiste infatti una certa contiguità tra lo stato di salute dei felini e quella dell’uomo, come ha spiegato Laura Ozella, coordinatrice del progetto: “I gatti sono delle sentinelle perché possono manifestare le stesse malattie dell’uomo che sono causate dall’inquinamento. Monitorare i loro spostamenti sul territorio e le malattie che possono causarne la morte possono essere degli indicatori importanti sul tasso di inquinamento in una determinata zona”.

L’ipotesi è avallata anche dai ricercatori del Dipartimento di scienze della vita e biologie dei sistemi dell’università di Torino, i quali confermano che studiare il tasso di mortalità dei felini in uno specifico territorio potrebbe rivelarsi molto utile per capire qual è l’effettivo livello di inquinamento in quell’area. Il progetto partirà a breve e coinvolgerà inizialmente 15 gatti che saranno dotati di un collare munito di microchip elettronico, che con un tag sarà in grado di registrare i loro spostamenti e le interazioni con altri membri delle colonie.

Seguici sul nostro canale Telegram

Rafa Benitez Napoli facebook

Napoli: il tecnico Benitez spiega le prossime mosse

Robert Pattinson

Cannes 2014, Robert Pattinson spicca il volo con due film d’autore