in ,

Viareggio Cup 2016, la sorpresa è l’Ujana: “Vogliamo crescere ancora”

Il Torneo di Viareggio è sempre un’occasione per vedere all’opera i giovani più interessanti del panorama italiano e internazionali, quei talenti in erba che potrebbero nei prossimi anni affacciarsi sul palcoscenico del grande calcio; l’edizione 2016 non è da meno e come ogni anno c’è sempre chi stupisce più di altri. A balzare agli onori della cronaca in questa Viareggio Cup è l’Athletic Club Ujana, squadra della Repubblica Democratica del Congo che ha concluso imbattuta il proprio girone, imponendosi sul Cagliari e pareggiando con Ascoli e Milan e accendendo agli ottavi di finale, unica squadra straniera insieme al Deportivo Camioneros.

Il club africano ha un importante progetto alle spalle, nato 16 anni fa con lo scopo di aiutare i giovani del luogo attraverso il gioco del calcio su iniziativa di alcuni ex giocatori e dilettanti amanti del pallone; nel 2009 è passato sotto Inter Campus ma la necessità di far continuare a giocare i ragazzi anche dopo i 14 anni ha portato alla nascita di una vera e propria società calcistica: “Abbiamo creato un’Accademia Calcio, in parallelo al settore giovanile e al club – comincia il presidente dell’Ujana Alain Tzepuksappiamo che il vivaio è il punto di partenza per crescere. Il nostro obiettivo è quello di permettere al maggior numero di ragazzi africani di giocare a calcio e di poter ottenere il massimo.”

Oggi la squadra affronterà l’Inter in una sfida affascinante contro una parte importante del passato del club: “Sarà una partita interessante – continua Tzepuk – questi ragazzi sono cresciuti con una formazione impostata dai nerazzurri. Senza dubbio sarà un buon modo per confrontarci sul lavoro fatto in questi anni.” Comunque andrà a finire la partita di oggi, si tratterà di un successo per l’Ujana che guarda al futuro con la consapevolezza di essere una realtà solida in crescita, che si basa anche sul contributo di alcuni esperti europei come l’italiano Rino D’Agnelli, che sta curando la rete di scouting e l’organizzazione dell’area tecnica: Se siamo arrivati fino a qui – conclude il presidente dell’Ujana – non è un caso. C’è stato un lungo lavoro in questi anni. Già aver assaporato la realtà europea per questi ragazzi è stata un’esperienza formativa. Il futuro è davanti a noi.”

Taglio posti di lavoro Almaviva

Licenziamenti Almaviva, annunciato maxi-taglio di 3.000 posti: ecco cosa sta accadendo

isabella noventa news corpo

Isabella Noventa ultime notizie, tracce ‘a schizzo’ cucina Freddy: è sangue