in

Torte in corso con Renato 2, la ricetta della torta “Sospiro d’Amalfi”

Come completare una cena speciale, se non con uno degli straordinari dolci di Renato Ardovino? Il famoso pasticcere e cake designer, al timone di “Torte in corso con Renato 2”, su Realtime, propone nella nuova sezione Bakery la ricetta di “Sospiro d’Amalfi”, una torta che conserva tutti i profumi della Costiera. Di seguito, ingredienti e procedimento per realizzare questa ricetta.

renato ardovino realtime

Gli ingredienti per la base di questa torta sono 300 g di cioccolato bianco, 200 g di farina, 1 kg di farina di mandorle, 1 bustina di lievito, 700 g di zucchero, 16 uova, 700 g di burro e scorza grattugiata di un limone. Si inizia con lo sciogliere il cioccolato bianco a bagnomaria, poi unite il burro. Miscelate la farina con la farina di mandorle e il lievito. Montate nella planetaria Kenwood kmm020 lo zucchero e le uova, aggiungete il composto di cioccolato, le farine e la scorza grattugiata. Versate l’impasto in due teglie ed infornate a 180° per 40 minuti.

Per la farcitura bagnate con la bagna al limoncello il primo disco di impasto e farcite con la crema pasticcera, preparata con la scorza di due limoni. Cospargete dei lamponi sulla crema e coprite con l’altro disco, ripetendo la stessa operazione. Ricoprite la torta con panna montata. Versare 1 kg di cioccolato bianco su un foglio di carta da forno, stendetelo con una spatola in modo da ottenere una lastra, poi immergerla in acqua e ghiaccio. Decorate la torta con la striscia di cioccolato bianco e completate con fiocchi di panna montata e lamponi.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Stasera in diretta Tv: Arrow 2, Virus Il contagio delle idee, Le invasioni barbariche

Comitiva

I veri amici mai più di 8: la nostra ‘capacità affettiva’ è limitata