in ,

Toscana: creduto morto per 20 anni viveva da eremita in un bosco della Maremma

Un’incredibile storia dalla Spagna è arrivata fino in Toscana, ed ha come protagonista il medico psichiatra 45enne, Carlos Sanchez Ortiz De Salazar. Fuggito all’età di 26 anni dalla sua casa in Siviglia dove viveva insieme ai genitori, il ragazzo era stato dato per morto.

Non aveva mai dato notizie di sé e i suoi familiari si erano ormai rassegnati all’idea di averlo perduto per sempre. Poi invece la sconcertante scoperta fatta del tutto casualmente da due cercatori di funghi che si sono imbattuti in lui, tra i boschi impenetrabili della Maremma toscana, nella zona tra la caletta di Cala Violina e le colline di Scarlino. Carlos non era morto, aveva in realtà scelto di vivere selvaggiamente da eremita tra i boschi della Toscana, in totale isolamento, lontano dalla civiltà e da ogni contatto umano, fino al fortuito incontro con i fungaioli, che dopo averlo scovato nella sua tenda, attraverso internet sono riusciti a rintracciare la sua famiglia.

“Sono spagnolo, mi chiamo Carlos e vivo qui da vent’anni. Mi avete riconosciuto ora devo scappare”, con queste parole l’eremita aveva reagito alla ‘incursione’ dei due nel suo nido selvaggio. I cercatori di funghi sono però riusciti a fotografare il suo passaporto ed inviare la sua foto ai genitori, che hanno reagito così alla vista di quella immagine: “È lui, è il nostro Carlos. È vivo e per noi questo è importante. Rispetteremo la sua volontà e la sua libertà, però non ci muoveremo da qui sino a quando non lo avremo riabbracciato, sia pure per un attimo”.

Pensioni 2017 news: flessibilità, Lavoro di cura, donne qui risposte darà il Governo?

Riforma pensioni 2016 ultime novità: quota 41 e prepensionamenti, tutti gli scenari della prossima settimana

Napoli 1-0 Udinese diretta Serie A 12^ giornata: risultato finale