in ,

Totò Riina malato, sentenza Cassazione: “Ha diritto a una morte dignitosa”

Anche se ti chiami Totò Riina e sulla coscienza hai il peso di centinaia di morti hai diritto a una morte dignitosa. Lo rivela, con una sentenza di pochi minuti fa, la prima sezione penale della Cassazione. Il “diritto a morire dignitosamente” va assicurato ad ogni detenuto e, pur restando lo “spessore criminale”,  va verificato se Totò Riina possa ancora considerarsi pericoloso vista l’età avanzata e le gravi condizioni di salute. Così viene aperto il dibattimento per la richiesta, da parte dell’avvocato del Boss di Cosa Nostra, il differimento della pena. 

—> Totò Riina e la trattativa Stato – Mafia <<<

La prima sezione penale della Cassazione per la prima volta ha accolto il ricorso del difensore di Totò Riina, che chiede il differimento della pena o, in subordine, la detenzione domiciliare. La richiesta era stata respinta lo scorso anno dal tribunale di sorveglianza di Bologna, che però, secondo la Cassazione, nel motivare il diniego aveva omesso “di considerare il complessivo stato morboso del detenuto e le sue condizioni generali di scadimento fisico”. La Cassazione sottolinea, a tale proposito, che il giudice deve verificare e motivare “se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza ed un’afflizione di tale intensità da andare oltre la legittima esecuzione di una pena”.

>>> Tutto sul mondo delle news <<<

E ancora, nella sentenza della Cassazione si legge che nello specifico di Totò Riina: “Il mantenimento il carcere, in luogo della detenzione domiciliare, di un soggetto ultraottantenne affetto da duplice neoplasia renale, con una situazione neurologica altamente compromessa, che non riesce a stare seduto ed è esposto in ragione di una grave cardiopatia ad eventi cardiovascolari infausti e non prevedibili.” E, infine, il tribunale non ha chiarito “come tale pericolosità “possa e debba considerarsi attuale in considerazione della sopravvenuta precarietà delle condizioni di salute e del più generale stato di decadimento fisico”.

Serkan Cayoglu

Replica Cherry Season puntata 5 giugno 2017: come vedere il video integrale

caso isabella noventa news quarto grado

Isabella Noventa news Debora Sorgato: dopo la sentenza potrebbe perdere il lavoro