in ,

“Tracce di Cocaina nel bagno di Montecitorio”: la denuncia del giornalista

“Tracce di Cocaina nel bagno di Montecitorio” è la denuncia di un giornalista del FQ Millennium, Thomas Mackinson, un reporter inviato dal nuovo mensile di Editoriale Il Fatto spa. L’indagine sui muri dei bagni di Montecitorio è stato realizzato con il salviettine Nark II a base di cobalto tiocianato acquistate in un negozio di Roma specializzato in dispositivi per indagini di polizia scientifica.

“Il risultato positivo, confermato da una doppia prova con esisti identici, è stato ottenuto mercoledì 29 marzo 2017”. Si legge nell’articolo realizzato da Mackinson che spiega come le tracce di cocaina nei bagni di Montecitorio sono state rinvenute: “Dalla mensola all’interno di uno dei bagni.” 

—> Leggi anche: Tutte le curiosità sulla politica italiana 

Tracce di cocaina nel bagno di Montecitorio: il test come funziona

A scopo di documentazione sulla correttezza del test, il giornalista di FQ Millennium, Thomas Mackinson,  ha ripreso tutta la scena con uno smartphone. Il reporter ha spiegato come  il metodo da lui usato per rilevare la cocaina sia la stesso usato dai cronisti di The Sun che col loro articoli generarono grande curiosità mediatica sul consumo dello stupefacente nel Parlamento britannico nel 2013. La ricerca, precisa il giornalista, è solo presuntiva, visto che non si tratta: “Di accusare alcuna persona, ma solo di verificare se esistono tracce di cocaina nei bagni del Parlamento.”

—> Leggi anche: Tutto sul mondo delle news con UrbanPost

Tracce di cocaina nel bagno di Montecitorio: tracce assenti al mattino

Ancora Mackinson, nel lungo articolo realizzato per FQ Millennium, specifica come abbia trovato lo stupefacente nel secondo test effettuato. La verifica è stata effettuata nella stessa giornata, sulle mensole presenti in ogni bagno dei dieci di Montecitorio. Tracce di cocaina sono state ritrovate dopo che nel pomeriggio di mercoledì 29 marzo – giorno in cui è stato effettuato il test -, come d’abitudine per i lavori alla Camera dei Deputati, c’era stata una giornata di votazioni. I deputati presenti quel giorno, conti alla mano, erano circa 400, e qualcuno ha utilizzato cocaina, visto che sulle mensole il test effettuato con il Nark II ne ha riscontrato tracce.

—> Leggi anche: Tutte le curiosità sulle breaking news 

Sbarco Migranti Catania oggi: giovanissimo ucciso da uno scafista per un “cappellino”

Fabio Concato Gigi recensione: 40 anni di carriera in un nuovo album