in ,

Trasporti pubblici, presto il biglietto si farà via sms

Al via l’impegno del governo per promuovere la bigliettazione elettronica per il trasporto pubblico nazionale. Il ministero dei Trasporti ha dato l’ok al decreto che consentirà l’adozione di questo sistema da parte di tutte le aziende del trasporto pubblico. “L’Italia ha già all’attivo una serie di esperienze all’avanguardia in questo campo, per esempio in Piemonte o in Lombardia – ha affermato il ministro dei trasporti Maurizio Lupi – Ora intendiamo applicare su scala nazionale la bigliettazione elettronica”. In molte città italiane, quindi, è già possibile fare il biglietto dell’autobus o per il parcheggio dell’auto via sms, e presto questo sistema di pagamento sarà esteso a tante altre.Bigliettazione elettronica

Firenze l’ha adottato già nel 2012 e ad oggi un biglietto su cinque viene acquistato con questo metodo. Usarlo è semplicissimo: non serve possedere la carta di credito, si manda un sms ad un numero speciale e il costo del biglietto viene addebitato sul conto telefonico dell’utente, sia esso in bolletta o sul credito del cellulare. Secondo alcune stime fornite dal Politecnico di Milano, i servizi di mobilità pubblica elettronica attivi finora sono ben 106, il doppio rispetto a un anno fa.

Via web, inoltre, si possono pagare anche le bollette di luce e gas, il bollo auto e, in alcune città, anche le contravvenzioni e le tasse sui rifiuti. Se finora, però, ogni città italiana aveva agito in totale autonomia, con il ddl del governo questa novità sarà estesa a tutto il Paese. Il decreto è stato già firmato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e ora attente il via libera della Presidenza del Consiglio.

Matteo Renzi

Matteo Renzi “il cannibale”, la stampa straniera così descrive la vittoria storica del Pd

rassegna musicale estate 2014 Parma e Piacenza

Musica in Castello 2014: per tutta l’estate spettacoli gratuiti nei Castelli di Parma e Piacenza