in ,

Trattati di Roma 2017: corteo Eurostop, 122 fermati

Cronaca di un pomeriggio ad altissima tensione a Roma dove oggi, 25 marzo 2017, si sono celebrati i sessant’anni dalla firma del Trattato di Roma. Come riporta il Corriere della Sera, ci sarebbero 122 fermati. I partecipanti avrebbero dovuto iniziare a sfilare alle 14, ma sono rimasti fermi fino alle 15.45 denunciando ritardi nell’arrivo di numerosi sostenitori a causa dei controlli capillari delle forze dell’ordine. Sembra che a bordo dei pullman siano state trovate armi improprie, motivo per cui sono state portate nel centro identificazione all’interno dell’ufficio immigrazione di Tor Cervara.

—> TRATTATI DI ROMA 2017: COSA DEVI SAPERE

“Dopo che i manifestanti, circa 2 mila, hanno attraversato in modo pacifico il rione Testaccio, tra negozi sigillati con serrande rinforzate da pannelli di compensato e filiali di banche chiuse intorno alle 17 gli agenti hanno caricato la coda del corteo spezzandolo in due.”  Sempre secondo il quotidiano milanese, alcuni manifestanti indossavano caschi da moto e passamontagna. All’altezza di Clivo di Rocca Sabella la polizia ha contrastato un gruppo di teppisti che tentava sfondamenti. Una persona in carrozzina è stata schierata in segno di protesta davanti a un idrante.

—> LE ULTIME NOTIZIE CON URBANPOST

Un gruppo di rappresentanti del sindacato di base Usb, accompagnato dal coro “vergogna” e dallo slogan francese “tout le monde déteste la police”(tutto il mondo detesta la polizia), si è sdraiato a terra sui sampietrini in segno di protesta: dopo circa mezz’ora c’è stato uno scambio di battute con i carabinieri. Solo alle 17.30 i mezzi della polizia hanno fatto retromarcia consentendo alla metà dei partecipanti rimasti bloccati di ricongiungersi con gli altri e raggiungere il luogo del comizio.

Valerio sSanu Beppe Vessicchio

Domenica In Pippo Baudo intervista Valerio Scanu: ecco gli ospiti della puntata del 26 marzo 2017

COSENZA CADAVERE NEL FIUME CRATI

Rimini cadavere in valigia: parla il testimone che ha ritrovato i resti umani