in ,

Trattativa Stato-Mafia, a Palermo è allerta attentato con tritolo per il pm Di Matteo

Nino Di Matteo, pubblico ministero, magistrato della trattativa Stato-Mafia che Totò Riina, capo di Cosa nostra, vuole morto, è presente oggi, 12 novembre 2014, a Palermo, per proseguire il decorso del processo. Una fonte che gli inquirenti ritengono sia di fiducia e, quindi, attendibile, ha dato un’allerta di attentato con tritolo per Di Matteo.

Secondo la fonte, le famiglie palermitane mafiose stanno raccogliendo un carico di esplosivo per innescare l’attentato a Di Matteo, e un carico di tritolo sembra che sia già nascosto in diverse zone di Palermo. L’ultimo pentito mafia, Antonino Zarcone, in questi giorni aveva rivelato agli inquirenti di un possibile progetto di attentato al pm Di Matteo, dicendo: “Era coinvolta pure la mia cosca, quella di Bagheria“. Leonardo Agueci, procuratore reggente di Palermo, ha trasmesso subito emergenza sicurezza al Viminale. Di Matteo è già sotto scorta.

Empoli-Fiorentina highlights video gol Serie A

Calciomercato Fiorentina: Josip Ilicic multato e messo in vendita, previste diverse cessioni per Gennaio

Anticipazioni Centovetrine mercoledì 12 Novembre: Rowena bacia Jacopo