in

Tre metri sopra il cielo diventa una serie Tv su Netflix: anticipazioni, attori

Sono passati 15 anni da quando un giovanissimo Riccardo Scamarcio incantava milioni di ragazzine in Tre metri sopra il cielo e, oggi, la storia diventa una serie tv su Netflix. I successi di Suburra e Baby, avranno probabilmente giocato un ruolo importante nella decisione del colosso streaming di produrre nuove serie tv in Italia. La trama, tratta dall’omonimo libro di Federico Moccia – e conosciuta anche all’estero, in particolare in Spagna e America Latina – sarà leggermente diversa nella versione in programma per Netflix. Si partirà dai protagonisti che non si chiameranno più Babi e Step ma Sally e Ale; e differenti saranno anche i luoghi della storia d’amore, dove Roma cederà il passo alla Costa Adriatica. Ancora incerto se la serie procederà portando sullo schermo anche gli altri due libri della saga letteraria: Ho voglia di teTre volte te.

Tre metri sopra il cielo serie tv, trama e personaggi

La produzione firmata Cattleya di Tre metri sopra il cielo, vedrà un adattamento innovativo della versione cinematografica di Lucini. Le vicende di Sally e Ale, due ragazzi di diversa provenienza sociale, animeranno la Costa Adriatica, portando i giovani ad innamorarsi sullo sfondo delle gare motociclistiche. I 15 anni trascorsi dal film renderanno la serie Netflix necessariamente più attuale, con taglio moderno, rispetto al libro.

Tre metri sopra il cielo, cast e attori della serie Netflix

Gli interrogativi sulla nuova serie Netflix ispirata a Tre metri sopra il cielo sono ancora tanti. Non si sa se il nuovo prodotto conserverà il titolo dell’opera originale o verrà scelto qualcosa di diverso. E anche sul cast c’è ancora molto riserbo: quel che sembra essere certo è che gli attori non conteranno più Riccardo Scamarcio, Katy Louis Saunders e Laura Chiatti.

Leggi anche —> Roberta Capua a Vieni da me in lacrime per il messaggio del padre: “Non me l’aveva mai detto”

ultimi sondaggi elettorali

Ultimi sondaggi elettorali: percentuali dei partiti al 29 marzo 2019

Organizzazione di eventi: perché affidarsi ad agenzie specializzate