in

Treno storico Novara-Varallo 2016: il Sacro Monte si raggiunge con una locomotiva a vapore

Torna il treno storico a vapore, un’occasione unica per poter solcare i binari che segnano la tratta Novara-Varallo a bordo di una vaporiera risalente al 1913. Si tratta di uno degli ultimi modelli ancora funzionanti in circolazione nel paese nostrano e che fa parte del parco storico di proprietà della Fondazione FS. Ecco le informazioni da conoscere se volete partecipare.

L’appuntamento con il treno storico a vapore è fissato a Domenica 2 ottobre 2016, la meta ultima del viaggio sarà Varallo Sesia, una piccola città valsesiana che offre tantissime attrazioni non solo storiche, culturali e ambientali, ma anche architettoniche e religiose. Un vero e proprio paese da scoprire ed esplorare e che apre la strada al Monte Rosa. Le attività programmate saranno molte, a partire dalle visite guidate presso il centro storico della località alla Riserva Naturale Regionale il Sacro Monte. Si tratta di un luogo molto suggestivo, antico, che negli anni è diventato Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

La partenza del treno è prevista per le ore 8:00 presso la stazione ferroviaria di Milano Stazione Centrale. Il convoglio transiterà da Magenta per poi raggiungere Novara, dove avverrà lo scambio con la locomotiva a vapore, vera protagonista del viaggio. Fermerà a Romagnano Sesia e Borgosesia, per proseguire fino a Varallo Sesia e arrivare a destinazione entro le ore 11:20. Il ritorno è fissato alle ore 17:10 e l’arrivo a Milano Stazione Centrale è previsto per le ore 20:45. Per saperne di più e conoscere tutto il programma della giornata, si consiglia di visitare il Sito Internet dell’evento.

ecobonus 2017, agevolazioni fiscali 2017 ristrutturazioni, agevolazioni fiscali 2017, detrazioni fiscali 2017, detrazioni fiscali 2017 casa,

Agevolazioni fiscali, Ecobonus 2017: Renzi conferma la proroga al 65%

caso yara news massimo bossetti

Yara motivazioni sentenza Bossetti, intervista esclusiva all’avvocato Salvagni: “Appiattimento acritico tesi accusa, dubbi sollevati permangono”