in ,

Treviso ospita ‘El Greco in Italia’ con quattro opere in anteprima mondiale

Arriva a Treviso la mostra che porta in Italia i lavori di gioventù del pittore greco Dominikos Theotokopoulos, conosciuto al mondo semplicemente come El Greco. Pittore, scultore e architetto che visse tra il Cinquecento e il Seicento e che segnò l’apice del Rinascimento spagnolo. La città di Treviso ospita dal 24 ottobre 2015 al 10 aprile 2016 una retrospettiva composta da oltre 70 opere con le quali El Greco omaggiò l’Italia che per un periodo l’aveva ospitato. I quadri in mostra non saranno solo di El greco ma anche dei maestri che a lui si sono ispirati.  Tra di essi quattro saranno le anteprime mondiali, tra cui un’opera di El Greco che si credeva andata persa dal titolo “Ritratto di un gentiluomo”.

La mostra, dal titolo “El Greco in Italia. Metamorfosi di un Genio”, sarà visitabile presso Casa dei Carraresi dal martedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 19.00 mentre il sabato e la domenica dalle 9.00 alle 20.00. Il costo del biglietto per visitare “El Greco in Italia” è diviso per fasce: 12€ è il costo del biglietto intero, per i ragazzi tra 15 e i 26 anni è di 10€ mentre per i bambini tre i 6 e i 14 anni è di 6€.

La mostra “El Greco in Italia” si compone delle opere giovanili del periodo tra il  1567 e il 1576 del celebre pittore che, con il suo lavoro, influenzò personaggi del calibro di Manet, Picasso e Cézanne. Tra le opere più visionarie che saranno esposte a Treviso da menzionare per la loro particolarità sono certamente il “San Demetrio”, precedente al 1567 e secondo la “maniera greca”, “Altarolo”, del 1567 – 1568 circa che già passa alla “maniera moderna” ma anche “Crocifissione” del 1575 – 1577 circa, tra le ultime opere che El Greco fece in Italia.

Foto: ufficio stampa

startup italia marco landi

Speed Mi Up, il bando per startup innovative targato Università Bocconi: candidature sino al 26 Novembre

7 città fantasma in Italia, borghi abbandonati dal fascino decadente

7 città fantasma in Italia, borghi abbandonati dal fascino decadente